coop 22 giu
Martedi, 27 giugno 2017 ore 02:15  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Escursione Uisp e Calabriando a Valli Cupe e Timpe Rosse

Successo per una iniziativa definita: emozionante e inclusiva

Escursione-Uisp-e-Calabriando-a-Valli-Cupe-e-Timpe-Rosse
Lunedì 19 Giugno 2017 - 19:28

Si è rivelata un'esperienza emozionante e inclusiva l'escursione svoltasi domenica a cura dell'ASD Calabriando del presidente Walter Fratto, in collaborazione con il Comitato UISP di Catanzaro di Felice Izzi. Il gruppo di camminatori, una trentina circa, accompagnato anche dai dirigenti UISP Riccardo Elia e Antonietta Mannarino, è partito infatti dalle ben note Valli Cupe per inoltrarsi nell'altrettanto affascinante canyon delle Timpe Rosse, che dista dal primo sito poco più di 8 chilometri. Il tutto per sentieri quasi sconosciuti e in mezzo ad una rigogliosa vegetazione, tra torrenti, rocce, ulivi e un panorama mozzafiato, lungo un percorso del tutto originale che è stato tracciato dal socio UISP Renato Atzeni di Sersale e che l’ASD Calabriando e il Comitato UISP di Catanzaro propongono con la precisa missione di promuovere la conoscenza di questi meravigliosi siti. E’ infatti la seconda volta che il gruppo si reca sul posto (la prima risale al 2 giugno 2015), ma all’epoca si giunse da un’altra via. Il percorso odierno è stato del tutto nuovo, ed è servito a dimostrare che si può collegare in unico circuito escursionistico i due gioielli naturalistici delle Valli Cupe e delle Timpe Rosse, vicini tra loro; e che tale possibilità potrebbe in futuro portare indubbi vantaggi (anche economici) e uno sviluppo turistico sostenibile e rispettoso dell'ambiente ad entrambi i comuni interessati (Zagarise e Sersale), oltre che all'intero comprensorio presilano, se solo gli enti interessati riusciranno a creare le sinergie necessarie finalizzate al raggiungimento di questi obiettivi comuni. L'unione delle forze e l'interesse comune, secondo i responsabili UISP, deve prevalere su altre pur legittime opinioni individualistiche, poiché la conoscenza e la promozione di questi due siti potranno rappresentare un volano di sviluppo locale solo se tale sviluppo risulterà coordinato e organizzato in maniera unitaria. Servirebbe infatti una sinergia reale tra i comuni per rendere pienamente fruibile il percorso e mettere in sicurezza i tratti che, al momento, non sono percorribili da chi non ha già una qualche esperienza escursionistica. In futuro occorrerà inoltre pulire e segnalare ai turisti il percorso, ed arredarlo con adeguata cartellonistica, staccionate, servizi e quant'altro sia necessario alla sua fruibilità. Il canyon delle Timpe rosse - ripetono i dirigenti UISP - anche se praticamente sconosciuto ai catanzaresi stessi, merita di essere conosciuto e valorizzato al pari delle più note ma vicine valli Cupe, anche se è molto diverso rispetto a queste. Qui, infatti, si resta incredibilmente colpiti dal contrasto cromatico tra il verde scuro della abbondante vegetazione circostante e il rosso vivo dell’arenaria ricca di ferro (da cui il caratteristico e intenso colore rosso), che sfuma in alcuni tratti in rosa, verde e giallo e la cui vista cambia in base al mutare della luce e delle ombre. Il sole sembra un pittore che a momenti si diverte a colorare le ripide e alte pareti; uno scultore, invece, sembra aver realizzato lo stretto passaggio, visto che la particolare e strana conformazione delle rocce ha creato in milioni di anni delle creste e delle pareti di estrema bellezza; una bellezza, tutta calabrese, che merita di essere conosciuta da tutti secondo l'auspicio della UISP. Che si sintetizza nello slogan "due gioielli calabresi, un unico percorso".



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME