Sabato, 23 settembre 2017 ore 22:03  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Cinque anni dalla morte di Raffaele, gli amici: 'Dolore, ma uniti nel tuo esempio'

Angelo, Giuseppe, Emanuele, Stefano, Marco: 'Sei stati un diamante. Come il sole e la luna, tutti i giorni nel nostro cielo' 

Cinque-anni-dalla-morte-di-Raffaele-gli-amici-Dolore-ma-uniti-nel-tuo-esempio
Sabato 15 Luglio 2017 - 12:10

"Come il sole e la luna, tutti i giorni nel nostro cielo", campeggiano queste parole in ricordo di Raffaele Musolino, un 'gigante buono' che ha lasciato i suoi cari a soli 17 anni. Era il 15 luglio del 2012, quando la sua vita è stata interrotta, spezzata, portando via un ragazzo speciale dalla sua famiglia e dai suoi più cari affetti.

Ma Raffaele non è speciale per quanto gli è accaduto, per la triste storia di cui a suo malgrado è stato protagonista, era ed è speciale per davvero. Ha lasciato dolore, un dolore vero a tutti coloro che lo hanno conosciuto. Lo ha fatto perché Raffaele era ed è un'anima buona. Un cuore speciale, gentile. Un diamante raro su questa terra. Sarà forse per questo che il signore lo avrà voluto portare a sè in un'età così prematura, negandogli la possibilità di procedere con la sua vita terrena, l'Università, il lavoro e chissà quali altri progetti avrebbe potuto realizzare.

Inutile fossilizzarsi su cosa sarebbe potuto essere e non sarà mai, per quella sera maledetta in cui Raffaele passeggiava in una sera calda d'estate per andare a mangiare un gelato. Il tempo non potrà mai cancellare, cambiare, estinguere quello che è stato. Raffaele rimarrà sempre nei cuori di tutti coloro i quali lo hanno conosciuto. Sì, perché Raffaele è rimasto impresso, scritto, inciso nel cuore di chi ha avuto la fortuna di incontrare il suo sguardo, di conoscerlo, di condividere pezzi di vita.

La famiglia in primis, ma anche gli amici. Amici ai quali ha saputo lasciare il dono di rimanere uniti e stare insieme. Ai quali in un'età cruciale come quella dell'adolescenza ha dato la forza di combattere, di crescere, di saper affrontare la vita anche nei momenti peggiori. Non ci sarà mai niente e nessuno capace di assottigliare quella memoria. Ormai Raffaele è diventato un simbolo. Un simbolo del rispetto alla vita, del senso di responsabilità e un esempio. Nonostante la sua giovanissima età. Per non dimenticare mai, anche se in questo caso è impossibile farlo.

Gl amici Angelo, Giuseppe, Emanuele, Stefano, Marco



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME