guglielmo
Martedi, 21 novembre 2017 ore 11:04  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Consiglio comunale, presentate le linee programmatiche del sindaco Sergio Abramo

Nel testo il live scritto dell'importante odierna seduta. Si torna in aula venerdì 22 settembre

Consiglio-comunale-presentate-le-linee-programmatiche-del-sindaco-Sergio-Abramo
Mercoledì 13 Settembre 2017 - 11:26

di Danilo Colacino

ore 15.51 Si chiude il consiglio comunale con la conclusione della 'replica' del sindaco, che ribadisce il concetto di essere costretto a fare le nozze con i fichi secchi e quindi di cercare di fare il massimo con le risorse a disposizione. Comunque sia, adesso si tornerà in aula venerdì prossimo - giorno 22 - per discutere fra le altre cose del reparto mobile di Polizia, un esproprio e alcuni debiti fuori bilancio. Sindaco e assessori non smettono però di lavorare e vanno nella stanza attigua all'Aula Rossa per tenere una riunione di Giunta

ore 15.42 Ma voi fate opposizione, è vero, e il vostro mestiere è di attaccarmi, continua Abramo. Però non lasciatemi solo quando c'è da difendere la città come nel caso in cui mi batto per non far approvare la legge che vorrebbe l'assessore regionale al Welfare Federica Roccisano in base a cui i Comuni dovrebbero compartecipare, seppur in parte minoritaria, le spese di talune importanti strutture socio-assistenziali

ore 15.33 Sergio Abramo prende la parola e spiega come si salva una società. In ambito privato si ricorre a manager che prendono fior di quattrini. Noi in sei mesi abbiamo sputato sangue per portare a casa certi risultati, rimettendo in sesto ben sei Partecipate. Ma ci volete dare atto di questo così come di aver gestito 86 cantieri, di certo non tutti andati bene. Altro aspetto importante è relativo al recupero dei fondi per cui ci siamo impegnati al massimo allo scopo di non perdere un euro. Senza dimenticare che abbiamo anche realizzato una serie di cose fuori programma, alcune delle quali erano addirittura prive di finanziamento. Eppure ce l'abbiamo fatta. Ecco perché mi aspetterei dei complimenti, invece di attacchi tanto duri. C'è da dire poi che solo adesso abbiamo potuto portare avanti il discorso della Zes, possibile esclusivamente grazie al Decreto Sud. Abbiamo inoltre elevato fin da subito multe alla Sieco. Proseguo poi con il discorso relativo alla sovvenzione di alcune opere, impeditoci come per la palestra di Pontegrande perché mancano i soldi. Dobbiamo purtroppo selezionare gli interventi da fare. In caso contrario indebiteremmo l'ente. Passivi che io ho risanato e non certo creato. Abbiamo esternalizzato per risparmiare come riguardo alla piscina di Pontepiccolo e analogamente avremmo fatto con i limitrofi campi da tennis, ma per quest'ultima struttura le gare sono prima andate deserte salvo poi assistere al ritiro della ditta che se ne era aggiudicata la gestione.

ore 15.15 Costanzo e Guerriero rispondono ancora per 'fatto personale', essendo stati citati negli interventi dei colleghi, ma subito dopo il presidente Polimeni chiarisce cosa si intenda per 'fatto personale' e che non concederà più la parola a chiunque la chieda senza averne titolo in quel momento

ore 15.12 Antonio Angotti di Catanzaro da Vivere chiarisce che Ap (già Ncd) non sta "inciuciando" con alcuno. Semmai - sostiene - è il Pd che ha problemi al suo interno e cerca sponde altrove. Poi, però, gli va in palla il microfono e tutto si ferma per alcuni minuti. Quando riprende, Angotti ha trenta secondi per ricordare soltanto agli amici Celia e Costanzo che quando fu nell'Udeur militava in un partito dieci anni fa al Governo di centrosinistra, salvo essere all'opposizione di Rosario Olivo al Comune di Catanzaro

ore 15.09 Costanzo ottiene dal presidente Polimeni di intervenire per fatto personale, perché citato da Merante. Io - precisa - non ho riferimenti nazionali, regionali e provinciali. Faccio ciò che voglio e decido di volta in volta il candidato da appoggiare o la coalizione in cui confluire. Il mio movimento, però, resta aperto a tutti

ore 15.06 Giovanni Merante annuncia che sarà meno buono dei suoi colleghi di centrodestra e, pur riconoscendo che rispetto al passato ci sono stati toni meno accesi, la minoranza non ha certo risparmiato attacchi sotto la cintura. Ma voglio denotare alcune discrasie macroscopiche sul piano politico. A cominciare dal fatto di come l'esperto Costanzo si smarchi dal centrosinistra. Giudico poi molto importanti le frasi di Praticò sulle posizioni del suo gruppo, soprattutto alla luce di quanto successo ieri in consiglio regionale

ore 14.55 Anche Fabio Talarico si associa ovviamente al peana nei confronti di Abramo e delle'intera maggioranza

ore 14.52 Solidarietà di Lorenzo Costa al noto imprenditore don Giovanni Colosimo e alla famiglia per le precarie condizioni di salute dello stesso , stimatissimo, Cavaliere del Lavoro. Poi però polemizza con Praticò: Alfano con chi sta? E quante sigle avete? In molti contesti state con noi del Pd, qui invece con Abramo. Ecco perché mi confondo sempre, anche se a Ezio voglio bene

ore 14.43 Fabio Celia dice che leggendo le linee programmatiche si è elevata la sua sensibilità. Ma poi - aggiunge - ho riflettuto sul fatto che tante cose sono mere enunciazioni di principio. Servirebbe infatti non distribuire soldi a pioggia attraverso i soliti bandi pubblici e modificare la viabilità su Corso Mazzini, in cui vi è una mobilità controflusso. Senza dimenticare che Lido è fuori da ogni seria pianificazione. La crescita degli ultimi anni la deve solo alla presenza di oltre 6mila studenti. Altrimenti, il quartiere marinaro è poco altro rispetto al Magna Graecia Film Festival 

ore 14.34 Filippo Mancuso rivolge i complimenti al sindaco per le tante cose fatte, ma con il suggerimento di porre ancora di più l'accento sullo sviluppo del turismo di cui godrà anche il centro storico. Mancuso rende poi noto che insieme a Demetrio Battaglia confluirà nel gruppo Catanzaro con Sergio Abramo. Mancuso ha peraltro richiamato l'importanza della Zes, riferendosi all'altro Mancuso (Rosario) che lo ha preceduto nel focalizzare lo stesso argomento

ore 14.31 Nicola Fiorita attacca frontalmente il sindaco. E' davvero tutto qui quello che ci propone Sergio Abramo, il quale si è detto finalmente libero di amministrare salvo poi presentare un documento di gran lungo meno coraggioso rispetto a quello redatto nello scorso mandato. Forse il sindaco è ancora condizionato dal "morzello magico", il gruppo che la circonda e con cui decide ogni provvedimento da assumere. Peccato quindi abbia frustrato le nostre aspettative, sottoponendoci un mix di cose inattuabili e obiettivi di piccolo cabotaggio. L'unica cosa su cui dovrà battersi è la Zes, su cui saremo al suo fianco per evitare l'Opa di Flora Sculco e Pino Gentile. Senza dimenticare quanto fatto dal governatore Mario Oliverio che colloca la presentazione del bilancio di metà mandato a Rende. Tanti i soprusi, gravi o di minore entità, che si consumano quindi ai danni del capoluogo. Una Catanzaro che continua a subire spoliazioni mentre in quest'Aula lei ci sottopone all'attenzione un po' di aria frutta. Un programma rimasto inattuato nella passata consiliatura e riproposto con un copia-incolla che serve solo a risparmiarle tempo e lavoro. La verità è che lei proseguirà il mandato nel solco della continuità e chiuderà i suoi venti anni alla guida di Palazzo De Nobili in maniera davvero molto deludente

ore 14.22 E' la volta di Ezio Praticò, che in qualità di capogruppo fa chiarezza sulla posizione di Catanzaro da Vivere. Non si faccia confusione tra la posizione del nostro partito di riferimento al Governo del Paese ovvero alla Regione, perché noi al Comune non abbiamo cambiato casacca. Mai. Sebbene non nascondiamo la testa sotto la sabbia, dimenticando qualche frizione in passato con il sindaco. Comunque sia, attendo con assoluta pazienza il formarsi degli schieramenti in vista delle Politiche. Allora capiremo la coerenza di molti avversari che adesso ci attaccano sulla stampa. Gli stessi, peraltro, che cambiano partito e coalizione a ogni tornata elettorale, a seconda delle convenienze del momento. Lo dico, però, rifuggendo dagli attacchi personali 

ore 14.16 Demetrio Battaglia confuta la tesi della mancanza di multe alla Sieco e ne menziona una elevata ieri, ma loda anche il profilo tenuto da maggioranza e opposizione citando nientedimeno che Calamandrei

ore 14.07 Antonio Ursino è sulla falsa riga dei predecessori, essendo un consigliere di Catanzaro da Vivere

ore 14.01 Luigi Levato ribadisce, al pari di Pisano, un appello all'unità e al lavoro condiviso, che può portare al raggiungimento di grandi risultati

ore 13.44 Roberto Guerriero torna, molto opportunamente a giudizio di quasi tutti, sulla vicenda delle videoriprese delle sedute del Consiglio. Una vicenda che invece stenta a risolversi. Votiamo pratiche di cui poi non applichiamo il contenuto. E allora, se tanto mi dà tanto, potrebbe avvenire per parecchi altri ambiti toccati dal suo articolato programma. Motivo per cui Catanzaro Capoluogo più che una legge resterà una mera enunciazione di principio

ore 13.35 Rosario Mancuso si pone una semplice domanda, se le linee programmatiche rappresentano appena il 10% di quanto fatto da Abramo come mai ha preso tutti quei voti?

ore 13.26 Eugenio Riccio ha affermato: Le linee programmatiche sono un esercizio retorico, io le voterei pure se si potessero votare (ricordiamo che vanno solo presentate, ndr) ma la verità è un'altra: Tra il dire e il fare, c'è di mezzo il mare

ore 13.17 Giuseppe Pisano evoca l'unità d'intenti per rafforzare il ruolo di Catanzaro capoluogo. 

ore 13.08 Gianmichele Bosco "smonta" molti dei punti del programma presentato dal sindaco e si sofferma sul fenomeno della criminalità organizzata, problema molto avvertito in particolare in alcuni quartieri per cui - a giudizio del medesimo esponente di Cambiavento - bisognerebbe intraprendere politiche di integrazione e iniziative finalizzate alla cooperazione sociale

ore 12.54 Noi faremo un'opposizione costruttiva e grazie per gli auguri dovuti al mio nuovo incarico di vicepresidente del consiglio regionale. Ecco come inizia il leader del centrosinistra Enzo Ciconte, che aggiunge poi: Plaudo al fatto che tra questo programma e il nostro ci sono molti punti di convergenza. Abramo ha persino recuperato il punto relativo alle zone franche su cui invece in campagna elettorale sembrava contrarissimo. Ottimo anche lo spazio riservato ai più deboli che devono ricevere un aiuto concreto e magari anche una casa pubblica

ore 12.48 Andrea Amendola, fra le altre cose, si sofferma sul tema della conurbazione e del raggruppamento con Lamezia. Un modo per aumentare la forza contrattuale della città a tutti i livelli. Esprime poi piena condivisione alla linea Abramo e fiducia nei futuri risultati dell'Amministrazione

ore 12.39 Costanzo termina di parlare. Ha rispettato i tempi scanditi dal presidente del consiglio comunale Marco Polimeni e stabiliti dalla conferenza dei capigruppo in 15' per gli stessi capigruppo e in 5' per gli altri consiglieri 

ore 12.27 Costanzo, come al solito, si dà all'ironia nell'iniziare il suo intervento all'insegna degli spunti polemici. Abramo ha letto un romanzo, quello di Carlo Collodi per eccellenza: Pinocchio. Ma è il Bignami di cinque anni fa, il libro dei sogni di allora che adesso viene ricopiato quasi per intero. Insomma il sindaco continua a promettere e non fa. Subito dopo snocciola un lungo elenco di cose che Abramo avrebbe dovuto realizzare, in base a quanto annunciato, salvo non aver fatto alcunché. Poi dispensa suggerimenti come quello di spostare il Magna Graecia Film Festival dal porto a Piazza Brindisi di Lido o addirittura in pieno centro storico

ore 12.21 Il sindaco conclude, facendo gli auguri al neo vicepresidente del consiglio regionale Enzo Ciconte proprio di fronte al collega che avrebbe forse potuto sedere al posto di segretario questore nell'assise di Palazzo Campanella, Mimmo Tallini, giunto in Aula Rossa pochi minuti fa. Tallini, però, in quanto espressione della minoranza in consiglio regionale non è riuscito a prevalere sul collega Graziano così come Ferro non ha superato Gentile

ore 12.18 Abramo parla di quartieri, politiche per le persone e misure antipovertà. Pure su questo, promette, fungeremo da guida con servizi avanzati. Spazio anche allo sport e non solo al Catanzaro Calcio, di cui bisogna comunque parlare in termini molto positivi per l'ottimo obiettivo raggiunto con la salvezza della squadra

ore 12.09 Abramo va naturalmente a tutto campo e tocca adesso gli argomenti relativi all'edilizia scolastica e alla sicurezza. Temi chiave. A riguardo fa 'toccata e fuga' sul distaccamento del reparto mobile di Polizia. Subito dopo, però, volta pagina e parla del miglioramento e dell'implementazione della rete idrica. E si incentra ancora sui rifiuti e le questioni ambientali, rendendo nota la volontà di implementare l'impianto d'Alli così come la percentuale di differenziata e la piattaforma di compostaggio di località Pistoia

ore 12 Abramo parla della città della cultura. Una realtà in cui è sinergico e osmotio il rapporto con l'Università, ma anche con i tantissimi musei e la rete dei cinema del centro storico. E poi manifestazioni come il Magna Graecia Film Festival, Altrove e Materia Independent Design Festival 2017 (già Cdw 2016, ndr)

ore 11.55 Sergio Abramo sceglie la via dell'equilibrio per lo sviluppo della città. Un equilibrio fra centro storico e Marina di Catanzaro. Il primo, sottolinea, non può fare a meno di un polmone finanziario come Lido in grado di movimentare l'economia del capoluogo. Il secondo, però, necessita di un salotto buono; di una sorta di quartier generale in cui sono concentrati altre strutture strategiche cittadine. Sul quartiere marinaro, poi, ci saranno le positive ricadute del completamento del porto. Sarà così che a Lido si affermeranno nautica, pesca, distribuzione agroalimentare e persino sport, musica e spettacolo

ore 11.52 Il problema di Catanzaro non è solo il traffico. Magari fosse così. Ma il traffico rappresenta una criticità. Eccome, purtroppo. Ragion per cui Sergio Abramo parla a lungo del piano per il miglioramento della viabilità. La Regione dovrà approvare e finanziare un programma da 35 milioni di euro, perché il 4 agosto scorso è stato già sottoscritto un accordo per la metropolitana di Cosenza senza che vi sia ancora la progettazione e allora come si potrebbero non finanziare i parcheggi del Musofalo, del Politeama e tutti gli altri

ore 11.46Il sindaco parla anche di differenziata e tassa sui rifiuti, ribadendo che il suo obiettivo primario è l'abbassamento delle accise. Ma non dipende solo dal Comune, bensì anche e soprattutto dalla Regione

ore 11.41 La visione è della grande Catanzaro. Non si tratta soltanto di conurbazione o fusione di Comuni, ma soprattutto della creazione di una grande area urbana organizzata in cui 120mila persone possono godere di servizi avanzati e di una più alta qualità della vita. A parlare è, ovviamente, sempre Abramo

ore 11.37 Il sindaco Sergio Abramo, all'inizio della lettura del suo "manifesto", è ecumenico. Nessuna polemica, dice, o riferimenti al passato. E poi passa a snocciolare quanto vorrà fare nei prossimi quattro anni. Il motto è: bisogna passare dalla consiliatura (Abramo la chiama legislatura) della normalizzazione a quella della visione 

ore 11.26 Il consiglio comunale sulle Linee programmatiche prende il via con quasi un'ora di ritardo. Un ritardo fisiologico, ma  che stamani risente forse di qualche fibrillazione in seno al centrodestra dopo gli sviluppi del consiglio regionale di ieri in cui si è consumato un forte strappo tra Forza Italia e Ap. Comunque sia, il civico consesso è iniziato con un minuto di silenzio in memoria di Aldo Mauro e Francesco De Nardo. Due figure, persone molto note, legate al Comune e alla politica cittadina, purtroppo recentemente scomparse

 



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME
Morto l'imprenditore edile Pino Canino
Lunedì 20 Novembre 2017