guglielmo
Mercoledi, 22 novembre 2017 ore 21:27  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Processo Woodcock/Sgarbi, pace fatta. Niente passerella vip (video)

Udienza rinviata in attesa di un accordo. Erano stati chiamati a testimoniare personaggi dello spettacolo e dello sport

Processo-WoodcockSgarbi-pace-fatta-Niente-passerella-vip-video
Lunedì 23 Ottobre 2017 - 17:13

L'udienza del processo Woodcock contro Sgarbi si è conclusa con un rinvio al prossimo 13 novembre, quando la vicenda dovrebbe concludersi. E' infatti in corso di definizione un accordo stragiudiziale tra il magistrato, attualmente sostituto procuratore di Napoli, e il critico d'arte. Non ci sarà quindi l'attesa sfilata di vip al tribunale di Catanzaro. Star del mondo dello spettacolo, imprenditori e calciatori avrebbero dovuto testimoniare, infatti, nel processo che vede imputato Vittorio Sgarbi, accusato di diffamazione ai danni dell'allora pm di Potenza Henry John Woodcock, per le frasi pronunciate durante la trasmissione "L'Arena" condotta da Massimo Giletti su Rai Uno nel 2009, e riferite tra l'altro all'inchiesta "Vallettopoli". Il giudice monocratico del Tribunale di Catanzaro, Tiziana Macrì, ha accolto nei mesi scorsi  la lista testi depositata dalla difesa di Sgarbi, gli avvocati Giampaolo Cicconi ed Enzo De Caro. Proprio l'avvocato De Caro ha confermato oggi in udienza la possibile definizione dell'accordo, con remissione della querela e relativa accettazione, come anticipato dallo stesso magistrato.  Tra i vip che avrebbero dovuto testimoniare al processo Vittorio Emanuele di Savoia, Fabrizio Corona, Elisabetta Gregoraci col marito Flavio Briatore, Francesco Totti, Flavia Vento, Massimo Giletti, Klaus Davi e Alba Parietti. Anche i buoni uffici di alcuni di loro, oltre al lavoro degli avvocati, avrebbero convinto i due contendenti a trovare un accordo lontano dai riflettori che si erano già accesi sul Palazzo di Giustizia di Catanzaro. 

Antonio Capria

 



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME