Lunedi, 18 dicembre 2017 ore 07:45  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
ARTE E CULTURA

Biblioteca Zinzi: 'Noi non siamo fermi'

L'intervento del vicensindaco ed assessore alla Cultura Ivan Cardamone 

LA NIPOTE: LE MIE RISPOSTE DIETRO LE PORTE DELL'ARCHIVIO

 

Biblioteca-Zinzi-Noi-non-siamo-fermi
Lunedì 20 Novembre 2017 - 17:26

“Sulla questione relativa alla biblioteca Zinzi, - scrive il vicesindaco ed assessoore alla Cutura Inva Cardamone - l’amministrazione comunale non è ferma, bensì è impegnata a proseguire l’iniziativa, già avviata nei mesi scorsi, mirata a scongiurare il rischio che l’importante patrimonio librario possa essere trasferito in altre sedi. A tal fine, ho ricevuto giovedì scorso Antonio Garcea, delegato dalla Soprintendenza archivistica, per discutere delle novità emerse in seguito al sopralluogo avuto dalla stessa Soprintendenza nei locali ove è ospitata la collezione privata di libri con l’obiettivo dichiarato di verificare la sussistenza delle condizioni per l’apposizione di un vincolo finalizzato al riconoscimento del pubblico interesse. L’amministrazione, in attesa di conoscere gli esiti di tale esame, ha espresso e ribadito la disponibilità ad ospitare il ricco materiale bibliografico personale della storica catanzarese, riservandosi di procedere con le dovute verifiche tecniche per definire i dettagli della relativa collocazione presso la Biblioteca comunale o gli spazi dell’Archivio storico comunale. Quest’ultima struttura, intitolata alla memoria di Emilia Zinzi, sarà reso fruibile appena saranno definiti in maniera risolutiva i rapporti con l’Università, a cui i locali sono stati dati in concessione d’uso, al fine di garantire l’apertura continuativa al pubblico. Resta ferma, quindi, la volontà di mettere in campo tutte le iniziative possibili per trattenere a Catanzaro la biblioteca Zinzi e rendere viva l’opera di una figura simbolo della storia e della cultura della città che merita di essere divulgata tra le nuove generazioni”.



ULTIMISSIME