Venerdi, 15 dicembre 2017 ore 12:56  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
SPORT

Us, Rondinelli Tribunale proverà a chiedere esclusione squadra

L'avvocato ospite telefonico a Studio Giallorosso ha fatto il punto sulla vicenda Money Gate. Rivedi la puntata integrale 

Us-Rondinelli-Tribunale-prover-a-chiedere-esclusione-squadra
Martedì 05 Dicembre 2017 - 21:30

Una squadra che assomiglia sempre di più al suo allenatore: aggressiva dal punto di vista tecnico, di carattere sotto il profilo della mentalità e matura al punto giusto per capire come e quando stringere i denti: se avesse anche un pizzico della vena realizzativa del Dionigi calciatore, questo Catanzaro potrebbe davvero essere un quadretto completo, una realtà a tutti gli effetti compiuta e lanciata verso traguardi importanti. A questo si lavorerà nei prossimi giorni di pausa con la stessa attenzione con cui prima ci si è concentrati – risolvendoli – sui problemi della fase difensiva. Bisognerà però fare i conti anche con qualche assenza di troppo, con le condizioni non proprio ottimali di qualche elemento da poco rientrato nei ranghi e con l’immancabile sgambetto della sfortuna, in questo periodo quasi mai lontana dai giallorossi: Infantino e Letizia dovrebbero saltare sia la Paganese che la Casertana – un tentativo per rimetterli tra i disponibili verrà fatto ma è probabile che soprattutto il secondo rientri dopo Natale – mentre Cunzi, frenato da un piccolo guaio nella rifinitura pre Fondi, verrà valutato domani al rientro. Non sembra preoccupare il piccolo fastidio accusato da Falcone pochi istanti prima del match contro i laziali ma anche in questo caso, le prossime ventiquattrore saranno importanti per capire. La pausa permetterà a tutti di rimettere un po’ di brillantezza nelle gambe dopo tanti impegni ravvicinati: agli alfieri del reparto avanzato l’imperativo di affilare le armi a dovere in questa settimana e rendere ancor più “dionigiano” questo coraggioso Catanzaro. GIUDICE SPORTIVO - Amaro il conto presentato quest'oggi ai giallorossi dal Giudice Sportivo: per Onescu, espulso nel secondo tempo della gara contro il Fondi a causa di un "atto di violenza verso un avversario", è scattata come previsto la squalifica per due giornate effettive; il centrocampista mancherà dunque sia contro la Paganese che nel turno prenatalizio di Caserta. Comminata anche una multa pari a 1000 euro al club "perchè  - recita testuale il documento - i propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore alcuni petardi, senza conseguenze".

MONEY GATE – A tenere banco in queste ore è comunque soprattutto l’appuntamento del 15 dicembre che vedrà il Catanzaro e i suoi vecchi vertici presenziare alla convocazione del Tribunale Nazionale Federale per la discussione sul caso di presunta tentata combine nella gara contro l’Avellino del 2013. In merito, nella puntata odierna di Studio Giallorosso andata in onda nel pomeriggio, si è espressa anche l’avvocato Sabrina Rondinelli che ha sottolineato l’intenzione del club di dare battaglia in aula a difesa della tradizione calcistica incarnata dal Catanzaro e del blasone della piazza: «II deferimento non ci ha colto di sorpresa – ha affermato la Rondinelli – semmai lo ha fatto la convocazione d’urgenza del Tribunale  che comporta un segnale abbastanza allarmante. Non esiste prova di accordo tra le due società e l’intero collegio difensivo farà una battaglia totale per difendere Catanzaro e la sua storia. A mio sentore – ha concluso il legale – si tenterà di chiedere l'esclusione dal campionato; questo spiegherebbe la convocazione d’urgenza prima dell’inizio del girone di ritorno. Il provvedimento? Lo avremo nella settimana prima di Natale». E se il sentore dovesse essere confermato non si tratterebbe certo di un bel regalo sotto l’albero.

Gianfranco Giovene



ULTIMISSIME