Venerdi, 15 dicembre 2017 ore 13:12  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
ARTE E CULTURA

Premio ‘Arte spazio’, riconoscimento dell’Accademia dei Bronzi

Arte e poesia, con l’Accademia dei Bronzi, camminano ormai di pari passo

Premio-Arte-spazio-riconoscimento-dellAccademia-dei-Bronzi
Mercoledì 06 Dicembre 2017 - 9:38

“Arte e poesia, con l’Accademia dei Bronzi, camminano ormai di pari passo. Siamo in presenza di un accostamento consolidato che produce effetti positivi per tutti coloro che si avvicinano con umiltà alle nostre iniziative”.

È quanto scrive Vincenzo Ursini, fondatore e presidente dell’associazione culturale catanzarese che da quasi 40 anni realizza importanti iniziative culturali a sostegno dell’arte e della poesia dei nostri giorni.

Domenica 10 dicembre, alle ore 10,30, nella Sala delle Culture di Tiriolo, l’Accademia dei Bronzi concluderà una nuova iniziativa – il Calendario di arte e poesia – alla quale, ancora una volta, hanno aderito qualificati artisti e poeti di tutta Italia.

“Sarà una nuova occasione - prosegue Ursini - per condividere comuni interessi, ma soprattutto per affermare che l’arte e la poesia non hanno confini e spazi ristretti e che possono viaggiare insieme nel migliore dei modi.

All’incontro, realizzato con la collaborazione dell’associazione “Teura” presieduta da Antonio Montuoro e con l’adesione dell’amministrazione comunale che ha concesso la Sala delle Culture, parteciperanno quindi artisti di varie regioni ai quali sarà assegnata la targa “Arte spazio”.

Quest’anno il premio sarà consegnato ai pittori Antonini Lia (Catanzaro), per l’opera “Squillace”, Calabrò Grazia (Rende), per “Vorrei colorare il mondo di luce”, Chiarella Giovanni (Catanzaro), per l’opera “Fiori su sedia nello studio”, Dell’Aversana Pietro (Rosate di Milano), per “Paesaggio invernale”, Furchì Modesto (Roma), per l’opera “I colori dell’autunno”, Galati Giuseppe (Acquaro), per l’opera “Scorcio di Catanzaro”, Gallelli Mimma (Catanzaro), per “Barche”, Iofalo Maria (Catanzaro), per l’opera “Ammaraggio”, La Neve Marcello (Cerisano), per “La guarigione dello spirito”, Leonardo Alfredo (Catanzaro), per l’opera “Marina calabrese”, Loricchio Francesca (Catanzaro), per “Bagnanti a Catanzaro Marina”, Mastroianni Aldina (Lamezia Terme), per l’opera “Cipolla rossa e altre primizie”, Morello Elisabetta (Catanzaro), per “Maschere”, Oriolo Antonella (Catanzaro), per l’opera “Il colore del sole”, Rizzo Caterina (Pizzo), per “Catanzaro, il Cavatore”, Rizzo Giuseppe (Ravanusa di Agrigento), per l’opera “Papaveri e spighe”, Rosanò Ugo (Catanzaro), per “Catanzaro Lido, Chiesa Madonna di Porto Salvo”, Scillia Giuseppe (Sassuolo), per l’opera “Campo di erba viperina”, Soriente Massimiliano (Salerno), per “Brocca con alici”. Una segnalazione di merito è stata inoltre attribuita agli artisti Buffone Francesca (Pizzo), per l’opera “Tramonto” e Rotundo Concetta (Catanzaro), per l’opera “City Rain”.

Nel corso della presentazione del calendario sarà altresì consegnato un Attestato di merito ai poeti: Aiello Franca (Torino) per la lirica “Le stagioni del cuore”, Alfano Anna (Napoli) per “Oh, Terra!”, Angeletti Elvio (Marzocca di Senigallia) per la lirica “Il tramonto di una stella”, Angotti Rosy (Catanzaro) per “Ho scoperto di amarti”, Ardesia Maria Concetta (Siderno) per la lirica “L’amicizia”, Argentero Roberto (Envie, Cuneo) per “A mio padre”, Barraco Antonina (Garbagnate Milanese) per la lirica “Tra i sentieri dell’arte”, Bernio Mariella (Brugherio) per “Borgo dimenticato”, Biasuzzo Sabina (Mestre) per la lirica “A Poem 332 – Meriggio”, Bisciari Timea (Ozzano Dell’Emilia) per “Lampi di Luce”, Bocotti Massimo (Lodi) per la lirica “Questa è la mia terra”, Bordino Salvatore (Palermo) per “Perché taci”, Brunasso Giuseppe (Santa Maria Capua Vetere) per la lirica “Spietata speranza”, Camellini Sergio (Modena) per “Un ponte colorato”, Capria Francesco Saverio (Catanzaro) per la lirica “Come un macigno”, Carrassi Maria (Lecce) per “Respiro”, Chiappetta Angelo (Rende) per la lirica “Vorrei”, Cimino Annalena (Anacapri) per “Il canto del fiume”, Colicchio Maria Rosaria (Napoli) per la lirica “Autunno”, Colopi Sonia (Lecce) per “Rotonda sul mare”, Corbetta Carola (Cantù) per la lirica “Baciami sempre”, Costa Francesca (Pordenone) per “Calice di profumo”, D’Amico Francesco (Lamezia Terme) per la lirica “Tumulti dal Cosmo” De Toffol Annalinda (Ospedaletto Euganeo) per “Nuvole”, D’Urso Marino (Bisceglie) per la lirica “Non ti sento primavera”, Famà Concetta (Messina) per “Nulla di così bello”, Ferrara Iolanda Erminia (Cologno Monzese) per la lirica “Per un mondo a colori”, Fratto Nuccia Parrello (Catanzaro) per “Solstizio d’estate”, Guadagno Teresa (Acquara) per la lirica “La stagione dei cuori”, Lapiana Pietro (Borgia) per la “Belle stagioni”, Laugelli Maurizio (Girifalco) per la lirica “Lettera di un amore…”, Leo Donato (Rocca di Caprileone) per “Salve, mia Regina”, Lepera Massimiliano (Catanzaro) per la lirica “La felicità”, Lubrano Rosella (Melazzo) per “Rose sparse”, Manca Marinella (Milano) per la lirica “Ritornerò”, Marino Bruna (Catanzaro) per “Profumo di zagare”, Mazzitelli Agata (Caraffa del Bianco) per la lirica “Dal cielo piovve amore”, Misasi Francesca (Vicenza) per “Cosa resterà di me”, Morabito Caterina (Montepaone) per la lirica “La notte traspare”, Muscarella Elvira (Cerda) per “Venerdì Santo”, Nardo Domenico (Vibo Valentia) per la lirica “Figlio del Tuo Figlio”, Palazzesi Gianni (Appignano) per “Una rosa per te”, Panetta Rosita (Torino) per “Bambini”, Pedatella Rocco (Trezzano sul Naviglio) per la lirica “Cuba, 10 settembre 2017”, Pullano Antonietta (Vena di Maida) per “Caro papà…” Ranieri Anna Rachele (Terzigno) per la lirica “Vola il poeta”, Rinforzi Lolita (Assisi) per “Autunno”, Tagliani Caterina (Sellia Marina) per la lirica “Agosto infuocato!”, Talarico Maria Teresa (Botricello) per “Ti amo, figlio mio”, Tassone Bruno Agostino (Breda di Piave) per la lirica “L’attesa del dono” e Taverniti Cosetta (Pazzano) per “Sole del mio Sud”.

Le poesie affiancheranno le opere di pittura. “Siamo in presenza – conclude Ursini – di una pubblicazione di evidente qualità artistica ed editoriale, presente in numerose città italiane e, soprattutto, realizzata con il precipuo scopo di diffondere l’arte e la poesia dei nostri giorni, assicurando una adeguata diffusione agli autori inclusi, cosa di non poco conto nel variegato panorama artistico e letterario di oggi”.

 



ULTIMISSIME