Venerdi, 19 gennaio 2018 ore 04:29  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
SPORT

Us, pronti alla Reggina. Dionigi: 'Questione di mentalità'

Formazione: Si torna al 3-4-1-2. I video con le conferenze stampa dei due tecnici

Us-pronti-alla-Reggina-Dionigi-Questione-di-mentalit
Venerdì 29 Dicembre 2017 - 20:36

La mentalità prima di tutto… se possibile anche rispetto a corsa e furore agonistico. Alla vigilia del derby con gli Amaranto, il grande ex dell’incontro detta quella che potrebbe essere la ricetta per avere la meglio. Mister Dionigi, che in riva allo Stretto è ancora ricordato come “Re Davide”, sottolinea in conferenza stampa: “I derby sono partite particolari dove prevale la mentalità. Senza quindi parlare di tatticismi”. Non vuol sentire parlare di Reggina in crisi, anche per via di voci su uno spogliatoio come quello amaranto spaccato: “Quando le cose non vanno bene escono sempre delle voci. Ma questo é un derby dove ci si mette tutto alle spalle nei novanta minuti ed è quello che faranno gli avversari. Ecco perché conta la mentalità”.

Uno sguardo al suo passato un po’ più remoto da calciatore (“A Reggio ho vissuto tante emozioni, gioie e qualche dolore come la retrocessione”) ed uno a quello più recente: “C'e da riscattare il secondo tempo di Caserta che non è sceso giù. I ragazzi hanno capito l'errore anche perché si è trattato dell’unico tempo di gara sbagliato da due mesi a questa parte”. Che la prestazione di Caserta non gli sia affatto andata giù, lo si nota in un altro passaggio: “Non mi é piaciuto l’atteggiamento dei miei giocatori, in particolar modo al momento del rigore respinto da Nordi dove nessuno si è precipitato sulla ribattuta”. Uno sguardo poi al futuro immediato: “Domani dobbiamo fare una gara importante e possibilmente un altro regalo ai nostri tifosi dopo quanto fatto col Cosenza”. “Siamo lì, in zona play off – aggiunge -, e dobbiamo rafforzare la nostra posizione, anche se si tratta di uno scontro dove bisogna mantenere le distanze con chi ci precede”. Una chiosa sul dopo-derby (leggi mercato): “Nel girone di ritorno sarà un altro campionato. Dovremo avere persone motivate al mille per mille per il progetto Catanzaro. Ci sarà una scelta motivazionale per quanto concerne chi vorrà rimanere. La scelta verrà fatta su questi presupposti, così come se dovesse arrivare qualcuno qualora ci fossero delle cessioni. Infantino? Potrebbe essere il migliore acquisto di gennaio. Sicuramente, nel corso della sosta, dobbiamo recuperare tutti e ripartire a ranghi completi”.

Capitolo formazione.

Come si è intuito nel corso degli allenamenti, contro la Reggina si tornerà al 3-4-1-2. Non ne fa un mistero nemmeno Dionigi: “Non si vedrà l’assetto di Caserta anche se dovremo adeguarci alla Reggina che cambierà qualcosa. Certo, in fase di possesso, dovremo avere la nostra solita identità”. Il tutto poi con un’infermeria che pur svuotandosi (“Cunzi ha ripreso, Letizia é un po' più avanti mentre Infantino un po' indietro”) costringerà sempre Dionigi a fare di necessità virtù, pur con qualche rientro importante. Out Gambaretti, il suo posto nel trio difensivo verrà preso da Riggio, con Di Nunzio nel mezzo e Sirri sul centro sinistra. A centrocampo si rivedrà Marin a far coppia con Maita, mentre Zanini e Nicoletti presidieranno le corsie laterali. Onescu, poi, agirà da incursore-trequartista alle spalle di Letizia e Falcone.

La scomparsa dell’ex tecnico Santin

Uomo d'altri tempi, galantuomo e che, tra le tante squadre allenate, ha legato il suo nome alla Cavese dei miracoli, ovvero a quella squadra che fece il salto in B sfiorando poi la massima serie. E’ scomparso in giornata, all’età di 83 anni, Pietro Santin, che ha diretto senza grosse fortune le Aquile in serie B nella stagione 85/86. In quella disastrosa annata, nella quale i giallorossi cambiarono quattro allenatori senza riuscire ad evitare la retrocessione, il suo posto fu preso da Veselinovic.

Vigilia importante anche per gli amaranto. In basso il video della conferenza stampa pre partita del tecnico della Reggina Agenore Maurizi

Vittorio Ranieri



ULTIMISSIME
METEOINFORMA - Sole e venti moderati
Giovedì 18 Gennaio 2018
Amc, sindacato Usb preannuncia sciopero
Giovedì 18 Gennaio 2018