Martedi, 16 gennaio 2018 ore 18:08  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
SPORT

Catanzaro calcio, fine d'anno amara e senza botti (ma con fischi)

Clima pesante per i giallorossi e molte riflessioni da fare. La preparazione della squadra riprenderà il 9 gennaio 

Catanzaro-calcio-fine-d-anno-amara-e-senza-botti-ma-con-fischi
Domenica 31 Dicembre 2017 - 20:10

Una fine d’anno amara, senza botti ma con i fischi sonori dei cinquemila (delusi) del Ceravolo. Ed un ambiente scosso dopo il quinto derby stagionale perso tra campionato e Coppa Italia (tre per mano della Reggina e due col Rende). Un dicembre da dimenticare, con una sola vittoria (ottenuta il lontano 3 dicembre sul Fondi) e poi con una sorta di indietro tutta in tema di prestazioni. Prima la gara con la Paganese, poi quella di Caserta ed infine il derby con la Reggina hanno fatto registrare diversi passi indietro (a ripetizione) dal punto di vista tattico e caratteriale. I ben informati raccontano di un’aria piuttosto pesante nello spogliatoio e di qualche giocatore che avrebbe manifestato più di un malumore finanche coi tifosi nel dopo gara.

La preparazione della squadra riprenderà martedì 9 gennaio e, nel frattempo, nelle stanze dei bottoni è tempo di riflessioni a trecentosessanta gradi per capire come intervenire. E sopratutto per valutare chi potrà continuare a far parte del progetto Catanzaro come evidenziato da Davide Dionigi nella conferenza della vigilia del derby. Il difensore di origini uruguaiane Antonio Sepe dell’Akragas potrebbe essere il primo rinforzo del mercato di riparazione. L’Akragas, per esigenze di bilancio, deve sgravarsi degli ingaggi più pesanti e non creerebbe problemi in una trattativa, per la verità, avviata da tempo. Il tutto con la proposta delle Aquile di un anno e mezzo di contratto al difensore.

Vittorio Ranieri



ULTIMISSIME