CIPRIA skin
Venerdi, 15 dicembre 2017 ore 13:16  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

'Intimidazioni, un bollettino di guerra. La solidarietà non basta più'

La riflessione della presidente di 'Risveglio ideale' e consulente della commissione nazionale antimafia, Angela Napoli

Intimidazioni-un-bollettino-di-guerra-La-solidariet-non-basta-pi
Domenica 17 Gennaio 2016 - 8:25

"Penso non si possa più rimanere insensibili innanzi al "bollettino di guerra" che ogni giorno viene propinato ai cittadini calabresi. Solo oggi apprendiamo: nuova intimidazione ad Arturo Bova, Presidente della Commissione regionale contro la 'ndrangheta; oscura incursione nel palazzo del figlio del Procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri; in fiamme l'auto dell'ex sindaco di Crotone, Giancarlo Sitra; a Lamezia Terme una bomba è esplosa nei pressi del garage dell'abitazione di un Agente della Polizia Penitenziaria". E' quanto afferma in una nota Angela Napoli, consulente della Commissione nazionale antimafia e presidente dell'associazione "Risveglio ideale".

        "Nei giorni scorsi: a Lamezia Terme incendiata l'auto del giornalista Pasqualino Rettura; intimidazioni contro il sindaco di Gioiosa Ionica, Salvatore Fuda; ennesimo atto intimidatorio ad una cooperativa di Goel Bio. Senza poi dimenticare tutti gli atti intimidatori, in particolare in provincia di Reggio Calabria, che hanno costretto a tutelare la sicurezza personale di imprenditori, giornalisti, testimoni di giustizia, ex sindaci ed altri - continua Angela Napoli -. Innanzi al reiterarsi di atti intimidatori così pesanti e preoccupanti, credo non siano più sufficienti, anche se necessari, gli attestati di solidarietà, bensì servano grandi atti attività d'intelligence per individuare i responsabili, nonché la certezza dell'espiazione della pena per coloro che si rendono responsabili di simili vili atti. Contemporaneamente - conclude la nota della presidente di "Risveglio ideale" - occorrerebbe anche molta solidarietà da parte dei cittadini, i quali spesso tendono ad isolare, piuttosto che stare vicino a coloro che amministrano la cosa pubblica o espletano il loro incarico elettivo all'insegna della trasparenza, della responsabilità e del coraggio".



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME