Venerdi, 31 marzo 2017 ore 02:33  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
ARTE E CULTURA

La Porta socchiusa, un graffio che resta sulla pelle

Il nuovo libro di Antonio Ludovico, pubblicato nella collana Iride di Rubbettino, è una storia che ha i ritmi della vita

La-Porta-socchiusa-un-graffio-che-resta-sulla-pelle
Domenica 01 Gennaio 2017 - 11:39

Non sono più le porte girevoli che segnano il destino di un uomo. Ma quegli usci socchiusi che creano una penombra, spesso quella dell’anima. Quegli usci socchiusi da cui guardiamo la vita degli altri, ancorchè quegli altri siano persone che ci abitano accanto, di cui pensiamo di sapere tutto, ma che possono sorprenderci. Quegli usci socchiusi che siamo noi stessi che, spalle alle nostre abitudini, al nostro vivere quotidiano, ci guardiamo dentro scoprendo talvolta una penombra nella nostra anima che è terribilmente più avvolgente dell’oscurità. Antonio Ludovico, avvocato di professione, scrittore per passione, dopo una parentesi dedicata a raccontare la vita degli artisti rock da lui più amati, torna alla narrativa e lo fa con una storia intensa. Una storia che racconta di quell’amore smisurato, che va ogni oltre ragionevole confine per arrivare al confine con la morte. La Porta socchiusa, pubblicato nella collana Iride di Rubbettino, è un concentrato di emozioni contrastanti, a volte anche di sensazioni sgradevoli che si provano per uno o per l’altro protagonista della storia, a riprova del fatto che le 100 pagine a cui Antonio Ludovico ha voluto affidare la storia che aveva in testa, sono un vero e proprio graffio che brucia, poi si rimargina ma alla fine può restare sulla pelle per molto tempo. I ritmi sono quelli della vita. Veloci quando l’ansia attanaglia l’esistenza, più lenti quando ci si trova davanti ad una scelta, abissali quando davanti allo specchio non c’è più l’immagine di noi che siamo abituati a vedere ma un inconscio che ci farebbe fare cose di cui non pensavamo di essere capaci. La porta socchiusa è come un breve ed intenso viaggio dove alla fine chi ha deciso di salire su quel treno capirà di non poter essere più la stessa persona una volta che sarà sceso.

Giulia Zampina



ULTIMISSIME