Venerdi, 31 marzo 2017 ore 02:32  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
ARTE E CULTURA

Polo museale musica, Rizza; accelerare procedura per non rischiare di perdere finanziamenti

Potrebbe consentire alla città di arricchire la propria offerta culturale con un patrimonio unico nel suo genere

Polo-museale-musica-Rizza-accelerare-procedura-per-non-rischiare-di-perdere-finanziamenti
Martedì 10 Gennaio 2017 - 16:27

Testo della dichiarazione del consigliere comunale Rizza:

“La creazione di un polo museale riservato agli strumenti musicali della tradizione popolare rappresenta un’opportunità preziosa che la città di Catanzaro non può perdere. Un’idea vincente, possibile grazie al meritorio lavoro dell’associazione A.R.P.A., che è alla base della proposta progettuale M3, “Musica, memoria, multimedia”, relativa alla partecipazione all’avviso pubblico emanato dalla Presidenza del consiglio dei ministri: “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”. Lo scorso 27 dicembre nel corso della Conferenza dei Capigruppo, era stata ribadita la piena condivisione del progetto sottolineando l’esigenza di apportare alcune modifiche e integrazioni alla proposta deliberativa da sottoporre all’attenzione del Consiglio comunale nella prima seduta utile del nuovo anno. Il testo definitivo della proposta, però, attende ancora di essere analizzato dalle commissioni consiliari di riferimento. I termini di proroga molto ristretti concessi per il perfezionamento dell’iter amministrativo non consentono di perdere altro tempo. Bisogna, dunque, scongiurare il rischio di perdere definitivamente il finanziamento concesso al progetto stesso che prevede due anni di attività culturali nell’Istituto Rossi, finanziate per 200mila euro, a costo zero per il Comune. Ogni ritardo ulteriore potrebbe mettere gravemente a rischio l’erogazione del finanziamento già concesso. La creazione del nuovo polo museale potrebbe consentire alla città di arricchire la propria offerta culturale con un patrimonio unico nel suo genere”. 



ULTIMISSIME