Mercoledi, 17 gennaio 2018 ore 14:07  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
ISTITUZIONE

Musica, memoria, multimedia: ma il progetto s’ha da fare?

Il presidente dell'associazione capofila scrive al comune. A rischio i fondi

Musica-memoria-multimedia-ma-il-progetto-sha-da-fare
Sabato 14 Gennaio 2017 - 12:15

E’ datata 9 gennaio e porta la firma di Danilo Gatto, presidente dell’Associazione di ricerca produzione e animazione del territorio, la lettera inviata al sindaco di Catanzaro, al presidente del Consiglio e, per conoscenza, ai capigruppo relativamente al progetto “Musica, Memoria, Multimedia”.

Nella missiva il musicista ed ex assessore comunale, questa volta in qualità di presidente dell’A.r.p.a. chiede di essere convocato al fine di fornire ulteriori chiarimenti in merito al progetto e ai finanziamenti. “E’ con profonda apprensione che scrivo alle SS.VV. in quanto a tutt’oggi, nonostante l’interesse verso il progetto “Musica, Memoria, Multimedia”, dichiarato anche pubblicamente - oltre che nella corrispondenza ufficiale - da parte dell’Amministrazione Comunale, non risulta ancora iscritta all’O.d.G. la pratica in oggetto. Voglio ricordare  - si legge nella lettera - che tale progetto, nato nel Comune di Isca sullo Jonio (CZ) e gestito dal D ipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, ha dovuto subire un lungo iter di riapprovazione, conclusosi positivamente l’11 novembre 2016, e andava perfezionato entro il 12 dicembre 2016 con l’invio dei documenti di competenza comunal”.

“I pochi giorni di proroga – si legge ancora nella lettera - concessi per il perfezionamento dell’iter amministrativo non possono ragionevolmente essere prolungati all’infinito, con il rischio di perdere definitivamente il finanziamento concesso al progetto stesso, che, ricordo a tutti, prevede due anni di attività culturali nell’Istituto Rossi, finanziate per 200.000 euro, con una compartecipazione solo figurativa del Comune alle spese, in quanto non è previsto un solo euro di esborso in più rispetto a quanto già attualmente esso spende per le utenze ordinarie dell’immobile stesso. Onestamente non comprendo quali ragioni di ordine tecnico (o di merito) possano impedire la rapida messa in discussione della pratica, dal momento che è stato manifestato il preventivo assenso di tutti i gruppi rappresentati in Consiglio Comunale, e che eventuali richieste di modifica avrebbero potuto essere state già apportate nel lungo mese trascorso da quando la proposta di delibera è stata consegnata dagli uffici competenti”.

Nella lettera, Danilo Gatto ripercorre le fasi salienti del progetto “frutto della partecipazione ad un bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri”. Il presidente dell’A.r.p.a. sottolinea, inoltre, come "copia del bando, delle linee guida, del progetto approvato, delle variazioni richieste e di tutti gli altri documenti relativi sono stati da mesi posti a disposizione di tutti coloro che ne avessero voluto prendere visione;  che il progetto è stato approvato, tra le altre cose, sulla base di un programma di fattibilità economica che è stato giudicato sostenibile dalla Commissione esaminatrice, e che prevede (come richiesto dall’Avviso Pubblico) l’autofinanziamento delle iniziative per un periodo di altri tre anni una volta esaurito l’intervento pubblico, che ha evidentemente funzione di avviamento;  che ogni ritardo ulteriore mette gravemente a rischio l’erogazione del finanziamento già concesso, con grave danno non solo per le sei associazioni che rappresento in qualità di capofila, ma anche e soprattutto per la città di Catanzaro e il suo centro storico".

 

Alessia Burdino



ULTIMISSIME
Mater Domini, vento sradica albero
Mercoledì 17 Gennaio 2018
Frana sulla SS106, traffico rallentato
Mercoledì 17 Gennaio 2018
Consiglio Comunale/4, seduta fiume
Martedì 16 Gennaio 2018