guglielmo
Martedi, 21 novembre 2017 ore 10:54  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Independent State of Coffee , parte lo sviluppo in Italia

Soprattutto tra i più giovani spopola il marchio di caffetterie all’americana nata in provincia di Catanzaro e presente con i propri punti vendita 

Independent-State-of-Coffee-parte-lo-sviluppo-in-Italia
Lunedì 20 Marzo 2017 - 11:18

Pubbliredazionale.

Chi non conosce Independent State of Coffee? Soprattutto tra i più giovani spopola il marchio di caffetterie all’americana nata in provincia di Catanzaro e presente con i propri punti vendita su Catanzaro, Lamezia Terme e Soverato. Per i giovani fondatori, Giovanni Scozzafava e Antonio Primerano, sono stati anni importanti, pieni di soddisfazioni e mai privi di tante difficoltà. È proprio Giovanni Scozzafava a raccontarci con quanta fatica si è riusciti a raggiungere l’obiettivo di svilupparsi in un territorio così difficile e poco incline all’innovazione. “Siamo nati nella terra che amiamo e alla quale dobbiamo davvero tanto, ma finalmente siamo riusciti nell’intento di essere raggiunti da un fondo di sviluppo che volesse credere nella nostra idea”. Infatti, da qualche mese, il brand è stato rilevato per il 51% da un fondo di sviluppo, solido ed esperto nel mondo del Retail, con il quale il marchio Independent State of Coffee affronterà lo sviluppo Italia. Nei prossimi giorni, infatti, vedranno la luce tre nuovi punti vendita su Piacenza, Bergamo e Reggio Calabria. Allo stesso tempo, la nuova compagine, è costantemente alla ricerca di location dove poter posizionare bandiera, grazie anche alla costante ricerca del partner immobiliare Gabetti Property Solutions. Il nuovo piano industriale, quindi, prevede un ritorno ad un modello di sviluppo con la maggior parte dei punti vendita di proprietà diretta, con la possibilità di aperture in “partecipata” con investitori locali. Nel 2017, intanto, il brand si propone di raggiungere un totale di 8 punti vendita di proprietà, così da lanciare uno sviluppo 2019 che possa prevederne almeno altri 11.

“La nostra è stata un’avventura che ci auguriamo possa essere d’esempio reale e replicabile a tutti quei giovani calabresi che non si disilludono di fronte alle possibilità di fare sviluppo, anche partendo dal territorio più povero d’Italia. Bisogna continuare a crederci, soprattutto nonostante le difficoltà più evidenti, perché la nostra è terra di creatività e di forte capacità di adattamento alle più importanti intemperie burocratiche ed ambientali”, ci racconta Giovanni Scozzafava.

Allo stesso tempo, Antonio Primerano, ci parla del nuovo format che aprirà i battenti su Piacenza nella prima settimana di Aprile. “Abbiamo trovato, finalmente, le risorse per investire in qualità del format. Abbiamo scelto la linea della territorialità dei prodotti, ripensando completamente la nostra offerta ed i nostri menù, interessandoci della provenienza dei nostri cibi, favorendo completamente il Made in Italy ed allontanandoci dalla filosofia “fast food” col quale, precedentemente siamo stati etichettati. I nostri punti vendita futuri saranno ancora di più incentrati intorno al concetto di “fast gourmet”, sempre più in voga nei mercati internazionali, dove alla qualità ed alla tracciabilità del cibo, si cerca di poter soddisfare la crescente domanda di velocità nel servizio, andando incontro alle esigenze di un uomo nuovo, sempre con meno disponibilità di tempo da dedicare ai propri pasti fuori casa. Così abbiamo pensato di poter legare alla nostra offerta anche uno spazio vending,  dove gli stessi avventori possano ritrovare parte dei prodotti che hanno gustato ai nostri tavoli. Abbiamo, quindi, iniziato una nostra produzione di caffè da bere ai nostri tavoli e da portare a casa nei diversi supporti tra cialde e capsule compatibili. Contemporaneamente abbiamo lavorato nella chiusura di contratti con aziende di toys per poter avere diritti di utilizzo di marchi di giocattoli da offrire come gadget ai nostri giovanissimi clienti, all’interno dei nostri kids menù”. Non ci resta che, quindi, aspettare le prossime settimane per vedere anche qui in Calabria un nuovo format, ancora più incentrato alle famiglie ed alle persone più adulte, sempre più alla ricerca di qualità e di innovazione nel servizio.



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME
Morto l'imprenditore edile Pino Canino
Lunedì 20 Novembre 2017