coop
Martedi, 30 maggio 2017 ore 11:08  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Fondi persi per cultura, Cambiavento: è mortificante

Inefficienza? Scelta politica? In entrambi i casi l’ennesima ferita inferta ad un centro storico che necessita come l’aria di iniziative come questa.

Fondi-persi-per-cultura-Cambiavento-mortificante
Lunedì 20 Marzo 2017 - 18:55

La misura è colma.- scrive il Movimento Cambiavento-  Questa amministrazione continua a mortificare possibilità economiche di rilancio in ambito culturale. E così Catanzaro vede perdere un finanziamento di 200 mila euro per la realizzazione di un polo museale dedicato agli strumenti musicali. Stiamo parlando del bando denominato "Giovani per i Beni Pubblici" promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e vinto dal progetto "Musica, memoria, multimedia" ideato da sei associazioni guidate dall’ A.R.P.A.

Il progetto prevedeva oltre ad investimenti e migliorie sulla struttura e le sue attrezzature, anche l'apertura di un Museo della Musica Popolare, di corsi musicali e seminari internazionali, di un Archivio Multimediale sulla cultura popolare, di un Laboratorio di Liuteria e la realizzazione di piccoli eventi pubblici.

Si perde la possibilità d’impiego per 6 operatori, giovani al di sotto dei 35 anni che potevano soddisfare il sogno di lavorare nel proprio campo di studio senza il dovere di emigrare. Per non parlare del grande rilancio promozionale di cui avrebbe beneficiato il conservatorio che avrebbe avuto un supporto didattico notevole interno alla sua attuale sede, nonché un chiaro miglioramento della sua offerta formativa, attraendo certamente più iscritti.

Inefficienza? Scelta politica? In entrambi i casi l’ennesima ferita inferta ad un centro storico che necessita come l’aria di iniziative come questa.

Un centro città che deve pretendere di ritornare ad essere motore culturale di un’intera regione, di arrivare prima nella qualità delle sue proposte, di fare da guida e immagine della stessa. In una visione simile, conservatorio, accademia e musei svolgono un ruolo strategico, imprescindibile in ogni piano di rilancio ipotizzabile.

Già questa settimana avevamo assistito alla bocciatura del bando regionale destinato alla gestione dell’appena inaugurato Parco Gaslini, per il quale l’ennesima brutta figura è stata la brama di tagliare velocemente un nastro elettoralmente spendibile che la voglia di fare le cose come si deve. La mancanza di una gestione seria sta producendo al parco già danni che i cittadini continuamente denunciano sui social.

Un’amministrazione che era pronta a stendere il tappeto buono in vista delle elezioni e che invece sta sollevando tutta la polvere accumulata in questi cinque anni di mal governo.



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME