Lunedi, 25 settembre 2017 ore 22:31  feed rss  facebook  twitter
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Alchimia
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CRONACA

Verso Catanzaro-Vibonese, tifo: si moltiplicano gli appelli a non disertare

Striscioni affissi sui muri della città, Intanto la squadra si allena a porte chiuse 

Verso-CatanzaroVibonese-tifo-si-moltiplicano-gli-appelli-a-non-disertare
Giovedì 18 Maggio 2017 - 20:24

Martedì l'abbraccio alla squadra, intenso e passionale, subito dopo l'esortazione, rivolta alla città, a tornare a gremire il "Ceravolo" per non lasciare le aquile da sole nell’ultima battaglia e per conquistare insieme l'obiettivo salvezza: ad animare la settimana e a caricare di entusiasmo il countdown del primo derby playout contro la Vibonese ci sta pensando in queste ore il tifo organizzato giallorosso. Un fermento concreto, ben visibile, capace di farsi voce sugli spalti della tribuna durante il secondo allenamento della settimana e vernice nei giorni subito successivi, con i tanti striscioni affissi in giro per la città, recanti - come è ovvio - l’invito a non disertare. “21/05/2017: sempre al tuo fianco”. E ancora “21/05/2017: tutti allo stadio”. L’ascia di guerra agitata per mesi contro la proprietà pare per il momento essere stata riposta in un angolo: se ne riparlerà a giochi fatti, quando nessuno potrà più sfuggire alle proprie responsabilità per l’anno fallimentare appena concluso; per ora c’è un bene più alto e più importante da salvare e la tifoseria ha fatto già capire quale via intende percorrere. “In questo campionato le delusioni sono state tante e profonde – ha scritto qualche giorno fa il club commentando, in maniera commossa, la bella manifestazione di martedì partorita dai Volti Noti - ma avere dalla nostra parte il calore e il sostegno dei nostri tifosi nella battaglia decisiva può fare la differenza tra la vittoria e la sconfitta”. Tutto vero. Le immagini di uno stadio “Ceravolo” mestamente spoglio, di una Curva Massimo Capraro ridotta ai minimi termini, di un settore distinti disabitato causa lavori infiniti hanno certamente influito nel cammino sbilenco di questa stagione e ripetere il copione nel match che deciderà le future sorti dell’Uesse sarebbe del tutto controproducente. Numeri alla mano solo una volta, in questo campionato, gli spalti del vecchio “Militare” hanno superato quota 2000 presenze (Catanzaro-Cosenza, 5770 spettatori di cui 5052 paganti), per il resto è stato un continuo balzello tra i mille e rotti e i quasi duemila, con proprio il derby di andata contro la Vibonese a far da picco più basso (1198 tifosi di cui 480 paganti). Vietato gettare la croce addosso alla tifoseria, anche perché le disastrose performances della squadra, unite alla quasi totale sordità della società su queste tematiche nei mesi scorsi, hanno spesso scoraggiato il pubblico a partecipare alle contese. Questa volta, però, esimersi potrebbe costare caro come hanno ricordato gli ultras ed è lecito attendersi una risposta concreta da parte della città. I biglietti staccati per il derby di domenica sono ad oggi 728 (56 quelli acquistati da parte vibonese) e le prossime ore la quota dovrebbe aumentare sensibilmente. Per ciò che concerne il campo, il diario di bordo del club parla di una seduta di allenamento divisa tra riscaldamento atletico ed esercitazioni tecnico tattiche; gruppo al completo agli ordini di Erra e lavoro, come sempre, a porte chiuse.

Gianfranco Giovene



CatanzaroInforma.it
ULTIMISSIME