Sabato, 30 luglio 2016 ore 20:41
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
Catanzaroinforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
CatanzaroInforma.it
POLITICA

Politiche 2013, chiuso lo spoglio al Senato: i nomi dei probabili eletti

Catanzaro sarà rappresentata da Piero Aiello. Cinque seggi al Pdl, due al Pd, due al M5S. Niente quorum per Svolta civica

Politiche-2013-chiuso-lo-spoglio-al-Senato-i-nomi-dei-probabili-eletti
Lunedì 25 Febbraio 2013 - 23:54

Sullo scoccare della mezzanotte si chiude della partita del Senato, mentre la Camera lascia ancora con il fiato sospeso e vede il lento ma inesorabile risalire della coalizione di centrodestra trasformata in incredibile armata dalla sola ombra di Berlusconi. Il centrosinistra tiene duro.

In Calabria, quindi, al Senato la percentuale si ferma al 33,32%, e consegna al centrodestra oltre che la vittoria anche un seggio caldo caldo per Berlusconi e per il paracadutato Domenico Scilipoti. Il centrosinistra si ferma al 31,68%, con un Pd al 23,31% che si fa superare dal Movimento 5 Stelle, primo partito in molti Comuni, primo tra tutti Cosenza.

Il centrodestra vince la sfida e quindi conquista il premio di maggioranza che significa a sei seggi. Il capolista Berlusconi opterà per il posto in un'altra regione, quindi significa che i calabresi che entreranno a Palazzo Madama sono: l'uscente Antonio Gentile, Nico D’Ascola (il legale di fiducia del Cavaliere e del governatore calabrese) gli assessori regionali Piero Aiello e Antonio Caridi. Dentro anche un senatore in quota Grande Sud, Giovanni Bilardi, presidente del gruppo “Scopelliti Presidente” in consiglio regionale.

Il 31,68% per il centrosinistra al Senato porta all’elezione del capolista Marco Minniti e del deputato uscente, numero due, Doris Lo Moro. Fuori i rappresentanti di Sel (la capolista era Ida Dominijanni) il Psi di Luigi Incarnato e il Centro democratico di Pietro Fuda. Ma soprattutto, restano fuori da Palazzo Madama il leader dell'Udc e l'assessore regionale Michele Trematerra che guidavano la lista che fa capo all’ex premier Mario Monti: Svolta civica non è riuscita a superare la soglia di sbarramento fissata all’8%. Gli altri due seggi assegnati alle minoranze vengono conquistati dagli esponenti del Movimento 5 Stelle (che conquistano oltre il 22% dei consensi) guidati in Calabria dall'avvocato Francesco Molinari e dal docente Nicola Morra.

E c'è da ricordare che la promozione di Aiello porterà in Consiglio regionale un volto noto della politica catanzarese, l'ex capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Catanzaro nell'era Olivo, Gabriella Albano, prima dei non eletti nel Pdl nel 2010.

mariga




ULTIMISSIME