Skin ADV
Sabato, 1 novembre 2014 ore 06:45
       
Notizia

SCUOLA E UNIVERSITA' / Incentivare la pratica sportiva nelle scuole attraverso il progetto Cam

Riunione sul Centro attività motorie presieduta dagli assessori comunali Lo Giudice e Mungo

Lunedì 23 Settembre 2013 - 16:23

Dare continuità all’esperienza formativa avviata da oltre sedici anni attraverso il Progetto Cam( Centro attività motorie) ideato e portato avanti dal professor Rosario Mercurio. Iniziativa   di forte coordinamento delle competenze e delle funzioni tra il governo della Scuola e l’amministrazione comunale. E’ questo l’intendimento  degli assessori: Stefania Lo Giudice (Pubblica istruzione) e Giampaolo Mungo (Sport), i quali, questa mattina hanno presieduto un incontro allo scopo di rimodulare il Progetto alle diverse esigenze dei ragazzi ,delle scuole che vi aderiscono e del territorio. Presenti al tavolo lo stesso  professor Mercurio ed alcuni dirigenti scolastici.

L’assessore Lo Giudice e il collega Mungo hanno  sottolineato la piena condivisione del progetto, da parte dell’amministrazione Abramo “che rafforza l’offerta formativa e l’organizzazione dell’insegnamento attraverso l’incentivazione delle ore extracurriculari dedicate allo sport. Il sindaco Abramo e l’intera amministrazione, sopportati tecnicamente dai rispettivi settori di palazzo de Nobili diretti da Saverio Molica, intendono, quindi, sostenere l’iniziativa   convinti che la   trasformazione che le nostre città stanno oggi vivendo,  nonché l' incremento  del mondo ludico virtuale, hanno comportato una progressiva riduzione del cosiddetto gioco motorio spontaneo, che occorre compensare attraverso uno sviluppo e una diversificazione dell'educazione motoria e sportiva nelle scuole.

"Anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità  - hanno aggiunto – considera, infatti, l'educazione motoria fondamentale per lo sviluppo della personalità e per il raggiungimento e mantenimento della buona salute”. “E indiscusso scientificamente – a parere dei due Assessori -  che sussiste una relazione diretta tra lo sviluppo motorio e lo sviluppo cognitivo e di relazione, particolarmente nell'età della scuola primaria. L'educazione motoria ha quindi, un ruolo fondamentale nel processo di crescita del bambino e l'attività motoria nella scuola primaria  - hanno concluso Lo Giudice e Mungo  - deve favorire il completo sviluppo della personalità e la prevenzione dei principali effetti della sedentarietà”.
 






Altre Notizie