Quantcast

L’esigenza crescente di installare un antifurto perimetrale

CONTENUTO SPONSORIZZATO

Più informazioni su


    Perché installare un antifurto? E’ un quesito che coinvolge tante persone sempre più preoccupate per l’incremento costante ed esponenziale della criminalità che, ormai, fa parte del nostro vivere quotidiano. La necessità di proteggere l’incolumità dei propri cari e, successivamente, i propri beni è diventata una necessità di cui dobbiamo preoccuparci in modo completo ed esplicito, informandoci su quelli che sono i mezzi presenti in questo particolare settore dedicato alla sicurezza.

    Perché usare un sistema d’allarme?

    Tutti sappiamo benissimo che la criminalità si è evoluta ed imbarbarita (basta leggere il giornale per vedere ogni giorno gli effetti della brutalità che ci circonda). Quelli che una volta potevano essere furti con scasso (sempre fastidiosi ma non pericolosi per la nostra incolumità), perpetrati quando una casa rimaneva disabitata, si sono trasformati in atti pericolosi anche per l’individuo. I criminali di oggi, infatti, non si fanno più alcun scrupolo nel commettere il reato anche in caso di immobili in cui ci sono delle persone presenti.

     

    Una volta, le prede preferite dai malviventi, erano le abitazioni isolate come case di campagna, villette o capannoni. Oggi hanno allargato il loro raggio d’azione e anche i condomini delle città sono presi costantemente d’assalto. Non ci si può più assentare neppure per andare a fare la spesa senza vivere nel patema di tornare a casa e trovare qualche brutta sorpresa. Proteggersi è diventato obbligatorio per mantenere uno stile di vita normale e tranquillo.

     

    Prevenire o, almeno, ostacolare il delinquente, è lo scopo di un buon impianto d’allarme, ma come sceglierlo? Partiamo dalla considerazione che ci sono due tipi di allarme: allarme volumetrico e allarme perimetrale. In questa sede approfondiremo gli aspetti del secondo.

    I vantaggi dell’allarme perimetrale

    Viene utilizzato per difendere l’area esterna alla propria abitazione. Ovviamente si utilizza in caso sia presente un giardino o un cortile, per un appartamento è piuttosto inutile, a meno che non si disponga di un terrazzo molto ampio e facilmente accessibile.

    L’allarme perimetrale, in pratica, entra in azione prima che il malintenzionato entri nella proprietà, grazie a speciali sensori infrarossi. Questo sistema è stato dichiarato molto efficiente da chi ha già avuto la possibilità di utilizzarlo.

    Che cosa rende questo tipo di antifurto sicuro per fornire protezione all’abitazione e alle parti esterne?

    Prima di tutto bisogna considerare che può essere in funzione anche se in casa ci sono delle persone. Cosa non di poco conto sapere che si è protetti anche quando si è all’interno delle proprie mura domestiche.

     

    Ovviamente non serve solo se si ha un giardino, ma qualsiasi spazio esterno all’abitazione che si vuole preservare dai crimini, come box, parcheggi, balconi e terrazze.

    Se si usa un antifurto wireless, inoltre, sarà ancora più difficile da individuare e quindi inattaccabile da parte di chi progetta di invadere la vostra abitazione senza esser stato invitato.

    Ultimo vantaggio, ma non meno importante, quello di poter essere reimpostato in caso avvengano delle variazioni nell’area da proteggere.

    Tipologie allarmi perimetrali

    Le tipologia di allarmi perimetrali sono sostanzialmente quattro:

     

    Antifurto perimetrale con barriera a microonde. Particolarmente adatto a zone con visibilità ridotta, anche a causa del clima (pioggia o nebbia).  Consiste nell’installazione di colonne di rilevamento a microonde che vengono attivate nel momento in cui qualcuno cerca di oltrepassare la barriera;

     

    Antifurto perimetrale con sensori infrarossi. È un sistema molto efficace ma richiede un lavoro abbastanza sostanzioso. Infatti si prevede che, lungo il perimetro della zona da proteggere, vengano posate le barriere a infrarossi che rileveranno ogni passaggio;

     

    Antifurto a sensori interrati. Questo genere di sistema è adatto a chi non vuole vedere e far vedere i sensori di allarme che sono, appunto, interrati e quindi difficili da individuare. La scelta non ha una valenza puramente estetica, come ipotizzano tanti, ma, in realtà, aggiunge sicurezza ad un impianto che già offre molte garanzie. Il fatto di non essere visibile, in effetti, gioca un ruolo sorpresa, in più i sensori sono molto precisi in quanto riescono a distinguere il passaggio di persone e di animali.

     

    Antifurto perimetrale recinzione studiato appositamente per proteggere le recinzioni di abitazioni o edifici industriali. Questo sistema sfrutta due tecniche diverse. La prima utilizza i sensori a cavo microfonico e viene applicata, in genere, sui reticolati mentre la seconda sfrutta i cavi a fibra ottica.

    Quanto costa un allarme perimetrale

    Stabilire un prezzo reciso è impossibile poiché, come per gli allarmi casa, sono molte le varianti da valutare, ma possiamo fare alcune considerazioni.

    Per stabilire il prezzo definitivo sarà necessario il sopralluogo di un tecnico e decidere, insieme a lui, come e cosa si vuole proteggere. I costi variano a secondo delle dimensioni dall’area da proteggere, dal numero di varchi, dall’attività che viene svolta nell’area, dalla posizione dell’immobile, dal livello di sicurezza che si vuole raggiungere.

     

    Un singolo sensore, ad esempio, costa mediamente dagli 80 ai 100 euro, ma il prezzo aumenta in caso di barriere perimetrali dove questi vengono installati a coppie.

    In caso di presenza di animali in giardino, però, il sistema a raggi infrarossi potrebbe creare dei falsi allarmi quindi non è particolarmente adatto.

     

    Ci sono molti tipi di allarmi perimetrali quindi è necessario accertarsi di alcune caratteristiche:

     

    • L’impianto deve essere dotato di controllo vita dei sensori;
    • Deve prevedere un tamper antisabotaggio su ogni sensore.

     

    Le cose da valutare, come vedete, sono tante e commettere degli errori, se non si è del settore, è facile. In questo caso lo sforzo economico verrebbe buttato al vento. È proprio per questo motivo non bisogna fidarsi delle offerte accattivanti di certe persone truffaldine che vogliono vendere fumo agli inesperti.  Potrebbe essere il primo furto che subite.

    Gli impianti professionali, fatti da tecnici specializzati hanno, ovviamente, dei costi, ma vi tuteleranno seriamente. Inoltre ricordate che la legge di stabilità, per il 2018, prevede una detrazione fiscale del 50% per le persone che decidono di installare un impianto antifurto.

     

    www.antifurtocasa365.it ad esempio, che svolge un ruolo fondamentale nel settore degli impianti antintrusione, vi garantisce professionalità, elevata tecnologia e l’attivazione delle pratiche necessarie ad ottenere al detrazione. Lo staff composto da personale altamente specializzato, è sempre pronto a dedicarvi tutta l’assistenza e competenza necessaria a definire l’impianto adatto a tutte le vostre esigenze.

     

    Più informazioni su