Quantcast

Simona dalla Chiesa a Sersale per parlare di legalità

Presentato il suo libro Un papà con gli alamari

Più informazioni su


    Il progetto regionale di lettura per studenti Gutenberg 2018 ha raccontato l’edificante biografia di un’icona della legalità che non ha bisogno di troppe presentazioni: il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. E’ accaduto ieri, giovedì 24 maggio 2018, a Sersale, presso auditorium di “Porta del parco”, dove c’è stata l’attesa presentazione del libro “Un papà con gli alamari.” Titolo del racconto eloquente come pochi: un papà perché affettuoso e premuroso, con gli alamari perché non si separava mai dalla sua amata divisa. A parlare del compianto prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa, ucciso a Palermo il 3 settembre 1982, è stata Simona Dalla Chiesa, un padre coraggioso e una figlia impegnata nel sociale per un legame più forte della mafia, del dolore e della morte. L’incontro con l’autore rientrava nel cartellone delle iniziative della sedicesima edizione del Gutenberg 2018 ed è stato promosso dal liceo scientifico di Sersale, insieme all’istituto agrario dello stesso paese presilano e all’istituto commerciale di Botricello. Tutt’ e tre le comunità educanti rappresentate dalla dirigente scolastica Rosetta Falbo, tutt’ e tre le scuole propense non solo a insegnare ad apprendere, ma anche a insegnare a essere. Anche Simona Dalla Chiesa ha dato l’esempio di una nuova cittadinanza: “ Non si può prescindere dal rispetto delle regole- ha detto la più piccola dei figli di Carlo Alberto Dalla Chiesa- e la legalità è il frutto una collettività ampia e composita. Non basta solo la repressione, serve il concorso della società civile. Non bisogna mai rassegnarsi al male e bisogna sempre sperare in una società più giusta da costruire nelle scuole, nel rispetto delle istituzioni e nel rispetto di chi, come mio papà, si è battuto con coraggio per un’Italia diversa.” La manifestazione per la lettura e anche per la legalità, moderata dalla docente Rossella Guarnieri, ha avuto come protagonisti gli studenti dei diversi istituti che hanno anche suonato e cantato: musiche e parole sinonimo di impegno e di legalità. Non solo: hanno sfilato con magliette su cui erano riportate parole impresse nei loro cuori prima che nelle loro menti, parole lette e rilette nel libro “Un papa’ con gli alamari” come : “ Cittadini liberi”, “ Più numerosi e meno paurosi”, “La vita è fatta di lotte”. Ha toccato le corde dell’emotività l’intervento dello studente Enrico Lia che ha ringraziato Simona Dalla Chiesa e la scuola “per un incontro che arricchisce di valori non solo la comunità studentesca, ma il paese intero.” Simona Dalla Chiesa ha ricevuto come ricordo, oltre alle magliette e ai cartelloni, anche una targa dall’Interclub di Sersale. Erano presenti: rappresentanti Avis comunale, membri dell’associazione Liberamente, il primo cittadino di Sersale Salvatore Torchia e il direttore Riserva naturale Valli Cupe Carmine Lupia. Un incontro culturale si giudica dagli occhi delle persone che vi prendono parte. Qui a Sersale s’è constatato rispetto, consapevolezza, partecipazione. Non poteva che essere così: quando la figura autorevole di un servitore dello Stato impatta sulla più importante rassegna regionale di promozione della lettura per studenti, le emozioni non le devi andare a cercare, arrivano da sole. Arrivano copiose.

    Enzo Bubbo

    Più informazioni su