Quantcast

La Divina Commedia sempre attuale

La Commedia e l'importanza della sua lettura celebrata in un incontro a Catanzaro

Più informazioni su


    Quando si sceglie Dante per un pomeriggio di conversazione, si è sicuri di essere coinvolti in una serie di interessi e scoperte che rivelano la inesauribile capacità della Commedia di rivelare strade interpretative sempre nuove. E’ il caso della presentazione di un volume dal titolo Canto per canto: manuale dantesco per tutti del prof. Aldo Onorati, docente di Lettere negli istituti superiori. Giornalista di testate nazionali e autore di saggi critici con particolare riferimento alla letteratura e alla Divina Commedia, il professore attualmente collabora, fra gli altri organi di stampa, a Pagine della Dante e a Leggere tutti  e svolge un’intensa opera di conferenziere sulla Divina Commedia. 
     La manifestazione è stata  organizzata dalla Società Dante Alighieri, Comitato di Catanzaro, il 25 settembre, presso l’aula magna del Liceo Galluppi. L’incontro, fortemente voluto dal Presidente Teresa Rizzo, ha visto la partecipazione del prof. Luigi La Rosa, che ha dato inizio ai lavori con una coinvolgente introduzione, e della prof.ssa Aurora Martorana in funzione di moderatrice.
    Ad  un primo approccio al testo, l’apparenza è quella di una, seppur utilissima, guida alla lettura dei 100 canti dell’Opera. Negli effetti si tratta di un ulteriore tentativo di districare alcuni punti controversi della critica dantesca, specie quelli legati al “profetismo”.
    In sede di presentazione, oltre a tessere le lodi per uno sforzo così vasto di revisione dell’opera dantesca, si è messa in risalto l’importanza della lettura della Commedia perché in essa, a ben guardare, è possibile scoprire i fondamenti della nostra Civiltà morale e politica. Il destino dell’uomo è, per Dante, l’elevazione dalla precarietà terrena alla beatitudine paradisiaca attraverso l’analisi del male, la sofferenza del riscatto e la purezza della redenzione. Un messaggio di profonda portata ideale che andrebbe, in particolare, fatto conoscere ai giovani che giornalmente rischiano il vuoto e la solitudine mentre sono assetati di ideali e di prospettive di vita. Il numerosissimo pubblico, per fortuna rappresentato anche da giovani, è rimasto molto colpito ed ha seguito con partecipazione il percorso proposto dall’autore, un percorso che porta ad identificare la figura di Dante con quella di un profeta del nuovo mondo.

    Più informazioni su