La polizia di prevenzione passa anche dallo sport (FOTO-VIDEO)

Inaugurata dal capo della polizia Gabrielli la sezione Fiamme Oro di Catanzaro LA FOTOGALLERY DELLA CERIMONIA QUESTURA CATANZARO RESTA IN FASCIA A


Di Giulia Zampina 

La nuova frontiera della Polizia è fare dello sport il veicolo di prevenzione proprio nelle aree più disagiate delle città. E Catanzaro in questo non farà eccezione. È circolare il messaggio che stamattina è stato veicolato durante l’inaugurazione della sezione Fiamme Oro di Catanzaro nella sede del Polifunzionale della Polizia di Stato. Circolare perché parte dalla necessità di riqualificare uno spazio che non poteva più essere dato in affidamento esterno, circolare perché ha coinvolto nell’organizzazione del gruppo sportivo molte risorse della Questura, circolare perché si propone di essere un progetto inclusivo che per il momento coinvolgerà i figli dei poliziotti nella preparazione atletica del judo, ma si propone di coinvolgere anche i ragazzi dei quartieri a rischio della città “Perché- ha detto il questore Amalia Di Ruocco – questa è la polizia che ci piace. Non solo quella delle divise o delle auto. Ma quella che recepisce i bisogni del territorio e li fa propri superandoli in fase preventiva e non solo repressiva”. Il capo della Polizia Franco Gabrielli, dopo aver ribadito rivolgendosi al sindaco e alle istituzioni presenti che Catanzaro resterà Questura di fascia A per sua scelta diretta, ha sottolineato l’importanza dei gruppi Fiamme Oro nella politica generale della Polizia soprattutto in quelle zone definite a rischio “una sezione Fiamme Oro ai Parioli che senso avrebbe ?” ha detto Gabrielli. E di sport, polizia e zone a rischio, a saperne più di tutti è il campione olimpico 2000 che ha inaugurato la sezione Catanzarese , Pino Maddaloni che, dopo la dimostrazione con i ragazzi ha detto “ad un certo punto abbiamo deciso che volevamo a tutti i costi entrare in Polizia perché vedevamo che in troppi stavano andando dall’altra parte , e lo sport ci ha aiutati”.