Ventura: ‘Quando Abramo era contrario all’acquisto dell’Educandato’

L'ex assessore Ventura ripercorre le circostanze che portarono all'acquisto del Palazzo del centro

Più informazioni su


    di Sabatino Nicola Ventura* 

    Il Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, da circa vent’anni completa, o direttamente inaugura plessi, strutture, edifici, aree comuni e via dicendo, pensati, acquisiti o acquistati da precedenti Amministrazioni; spesso già completati o in  via di completamento, con progetti, finanziamenti, destinazione d’uso e quant’altro. Mi riferisco a quanto formalmente sostanziato da precedenti Amministrazioni Comunali (Furriolo, Gualtieri e per ultima Olivo).

    In molti casi, meriti particolari Abramo non ne ha alcuno: ha contribuito a portare a compimento quanto già avviato da altre Amministrazioni: la così detta CONTINUITA’ AMMINISTRATIVA, a volte con variazione, modifiche e adeguamenti necessari, dettati dal divenire delle cose. 
    Alle inaugurazioni, ai tagli dei nastri, fatto emblematico che evidenzia il personaggio politico,  se non ricordo male, egli non ha mai rivolto parole di ringraziamento, gratitudine verso i veri ideatori e protagonisti politici/amministratori della città, che hanno deciso la realizzazione dell’opera: non li cita mai e, ovviamente, non li invita, per come sarebbe eticamente e politicamente corretto fare, al taglio dei nastri.
    Adesso, solo perché è stato l’ultimo avvenimento, mi soffermo sulla recente inaugurazione/consegna dell’edificio ex Educandato, all’Accademia di Belle Arti, perché ritengo giusto informare e richiamare l’attenzione dei cittadini sui fatti, in particolare sulle scelte amministrative che hanno permesso oggi l’utilizzo del prestigioso edificio.

    La Giunta di Centro-Sinistra, Sindaco Olivo, il 23-5 del 2007, approvava un atto deliberativo avente per oggetto: “Pubblicazione avviso per verifica disponibilità d’immobili nel centro storico cittadino, per un eventuale loro acquisto da parte di questo Ente”
    A seguito dell’ apposito avviso pubblico, la Commissione preposta alla valutazione delle offerte, ritenne di proporre alla Giunta, con valide motivazioni, l’acquisto del palazzo dell’ex Educandato.
    La Giunta  con delibera 372 del 21- 7 del duemilaotto,  ha formalizzato l’acquisto dell’immobile, nell’ambito dei finanziamenti PISU.
    La Giunta Olivo il 25 agosto 2010, a seguito dell’acquisizione dell’immobile, deliberava per le indagini strutturali,propedeutiche, anche, alla progettazione.
    Sempre la Giunta Olivo con delibere del  febbraio  e del  marzo 2010, approvava le proposte di progetti integrati di sviluppo urbano  all’interno dei quali è inserito il progetto di “recupero dell’Edificio Comunale Educandato”.
    Il duemilaundici nel mese di aprile, poco tempo prima della conclusione dell’Amministrazione di Centro-Sinistra , la Giunta con atto deliberativo formalizzava la destinazione d’uso dei locali del palazzo dell’Educandato. Atto deliberativo necessario per il prosieguo dell’iter amministrativo e dei finanziamenti. Si concordò, in un protocollo,  un utilizzo dell’Università Magna Grecia.
    Negli anni successivi, per le mutate situazioni nel tempo intercorse e per necessità da soddisfare, il Comune, all’unanimità, se non ricordo male nel 2016, decise di destinare il palazzo dell’Educandato all’Accademia di Belle Arti, istituzione di valenza universitaria e pertanto nell’ambito delle impostazioni di utilizzo nel tempo assunte.
    Ritengo giusto ricordare che il Centro-Destra, ora al governo della città ininterrottamente dalla metà del 2011, ma all’opposizione durante l’Amministrazione di Centro-Sinistra (2006/2011), si schierò contro l’acquisto dell’Educandato, basta leggere gli interventi di allora dei Consiglieri Comunali di Centro-Destra in Consiglio e sulla stampa, per avere contezza dei fatti.   
    Oggi che l’opera è stata consegnata,  rivolgo un reverente pensiero di gratitudine al compianto Vescovo di Catanzaro Mons. Antonio Ciliberti,( l’ex Educandato era struttura della Curia), che tanto si prodigò a fianco del Sindaco Olivo, per realizzare l’operazione Educandato.
    Desidero ringraziare l’Assessore Regionale alla Cultura Maria Francesca Corigliano, per quanto ha detto il giorno della consegna dei locali, anche in riferimento ai meriti dell’Amministrazione Olivo.
    Ringrazio anche il Consigliere Comunale Sergio Costanzo, per avere ricordato nei giorni scorsi che se oggi l’ex educandato è patrimonio comunale il merito è dell’Amministrazione di Centro-Sinistra di Catanzaro. Costanzo, che all’epoca dell’acquisto si oppose,  ha dichiarato negli ultimi giorni di essersi ravveduto, la qualcosa e da me positivamente apprezzata.

    *ex assessore comunale giunta Olivo

    Più informazioni su