Migliaccio a Riccio:’Nelle feste pasquali studi urbanistica e diritto’

La replica dell'assessore al consigliere comunale

Più informazioni su


    Riceviamo e pubblichiamo la replica dell’assessore Modestina Migliaccio al consigliere comunale Riccio in merito al mancato adeguamento dei lidi balneari per la prossima estate.

    “Il consigliere Riccio forse perché  “inadeguato” e con notevoli lacune in materia di urbanistica e di diritto amministrativo,  presumibilmente da lui mai studiata, non sa che in relazione  alla convocazione  dei progettisti  per i lavori  del porto il merito non è certo suo, bensí di una corretta concertazione già  da tempo  preventivata per l’avvio della progettazione. Tanto è  vero che è  stato effettuato  un sopralluogo  tecnico sul sito al fine di constatare la situazione  attuale dell’infrastruttura.

    In merito invece alla proroga disposta con riferimento al Piano spiagge, infondate e pretestuose  sono le affermazioni  in merito, frutto sempre  di leggerezza e di scarsa conoscenza. Provvederó io a dare le delucidazioni  del caso all’inesperto consigliere. Si tratta di un atto gestionale in quanto afferisce a mera esecuzione  temporale del Piano spiagge. Ribadisco, altresì, al consigliere  per nulla informato che esiste una fondata e copiosa  giurisprudenza,  anche in merito  alle lottizzazione  Tiriolello, che dimostra inequivocabilmente  che la competenza  del Consiglio comunale  rientra specificamente  nell’applicazione  della discrezionalità  di scelta di natura prettamente  urbanistica e non già nei procedimenti  di attuazione  delle scelte urbanistiche, che non sono state nella fattispecie  modificate, ovvero quelle presenti nel Piano spiagge. Voglio precisare che con questa variazione  non si è  modificato  l’aspetto  architettonico,  ambientale  e paesaggistico che afferisce alla tipologia  dei nuovi lidi, ma esclusivamente  si è  prorogato il termine  per l’adeguamento, avendo tale norma una natura  esecutiva  e gestionale  di competenza  della giunta.Tra l’altro la necessità  di procedere  a tale corretta proroga scaturisce  dalla giusta armonizzazione  della tutela degli interessi  pubblici da parte dell’amministrazione  nel consentire che l’imminente stagione  balneare  abbia la completa  utilizzazione di tutti gli attuali  stabilimenti  balneari. Comunque si è  ritenuto di dare natura perentoria a tale norma, allo scopo  di dare certezza in termini  di trasparenza  e correttezza  amministrativa, per cui non verrà  concessa  più alcun’altra proroga. Il consigliere Riccio ignora che prima di elaborare  una delibera viene portato avanti un lavoro propedeutico che in questo caso è  stato svolto con gli stessi operatori balneari, in termini  di giusto equilibrio  gestionale  da parte dell”amministrazione,  e che è scaturito da una formale  concertazione  con gli stessi.

    Alla luce di quanto sopra, il consigliere Riccio farebbe bene a studiare con più attenzione le pratiche di questo assessorato per non incorrere in grossolani errori e continuare a fare magre figure, nella consapevolezza che ad ogni tentativo di mistificare la realtà corrisponderà una replica che darà contezza dei fatti, cosicché tutti i cittadini possano comprendere in modo corretto i fatti. Il consigliere Riccio per ora può rasserenarsi e godersi le festività pasquali”. 

    Più informazioni su