‘Al Polo Fieristico intitolazioni a Giovanni Colosimo e Rino Amato’

La proposta del consigliere Costanzo presto in commissione Toponomastica 


Arriverà presto in commissione Toponomastica la proposta del consigliere Sergio Costanzo di intitolare il Polo Fieristico in fase di costruzione a Lido alla memoria del Cavaliere del Lavoro Giovanni Colosimo e, all’interno della stessa area, all’ingegnere Gennaro Amato il padiglione destinato alle mostre e agli spettacoli.

La proposta è stata ufficialmente presentata alla commissione toponomastica che in una delle prossime riunioni sarà chiamata ad esprimersi. “Nell’Area Magna Graecia – si legge nell’istanza inviata da Sergio Costanzo per conoscenza anche al sindaco Abramo e all’assessore Lobello – sono in corso i lavori di realizzazione del Polo Fieristico-Espositivo che, seppure con notevole ritardo, dovrebbero essere ultimati entro il 2019. Trattandosi di una struttura di grande importanza per la Città, sottopongo alla Vostra attenzione e valutazione la possibilità di intitolarla ad un Catanzarese che ha illustrato la Città con il suo lavoro, il suo impegno e la sua capacità imprenditoriale. Mi riferisco al Cav. Giovanni Colosimo, peraltro insignito della cittadinanza onoraria dal Consiglio Comunale, simbolo della caparbietà e della voglia di riscatto della nostra terra. Essendo stato il Cavaliere Colosimo un grande imprenditore nel campo della distribuzione, oltre che un mecenate della cultura, l’intitolazione di una struttura dedicata alle esposizioni e alla commercializzazione dei prodotti, nonché alla rappresentazione di spettacoli, sembrerebbe molto indicata. All’interno del Polo Fieristico ci sarà un enorme padiglione che ospiterà le mostre ed eventi di spettacolo e musica. La proposta che vi sottopongo è quella di intitolarla al compianto ingegnere Gennaro Amato, apprezzato dirigente della Provincia e del Comune, che fu protagonista della realizzazione dell’Arena Magna Graecia e degli eventi che vi si svolsero per anni. Di seguito brevi note biografiche dei due personaggi, nella certezza che questa doppia proposta – che trattandosi di strutture e non di strade o piazze non dovrebbe trovare ostacoli di ordine burocratico o procedurale – troverà la vostra attenzione e la vostra sensibilità.”

CAVALIERE GIOVANNI COLOSIMO L’esperienza imprenditoriale in Sudamerica, iniziata nel lontano 1950, è fondamentale per questo uomo coraggioso partito dalla sua Cropani per raggiungere il nuovo mondo. Ad affascinarlo è l’industria della refrigerazione, sempre più importante per la conservazione e il consumo degli alimenti. Nel 1953, riesce a fondare in Argentina una società per la produzione e la commercializzazione di frigoriferi, capace di produrre 22 unità al giorno. Nel 1958 rientra per la prima volta in Italia per impiantarvi una fabbrica di acque minerali. Sempre in Argentina, costituisce una società per l’importazione di legname dal Paraguay e dal Brasile. Ma è il 1962 l’anno della definitiva svolta. Torna definitivamente in Italia e fonda quello che può essere considerato il suo capolavoro: l’Igea Calabra, la società che gestisce per la nostra regione i “colossi del freddo”, “Algida” e “Findus”. Una crescita continua che ha portato l’azienda a fatturati molto importanti con significativi riflessi sull’occupazione e sullo sviluppo. Egli ha coltivato, in maniera discreta e senza clamori, la passione per la cultura, per le arti e per lo sport, non facendo mai mancare il suo sostegno alla Fondazione Politeama. Giovanni Colosimo – che ha ricevuto importanti riconoscimenti come la nomina a Cavaliere del Lavoro e la laurea honoris causa in Economia e Management all’Università Magna Graecia – ha ricevuto il 10 marzo del 2017 il riconoscimento della Cittadinanza onoraria di Catanzaro, la Città dove ha aveva scelto di vivere con la sua famiglia.

INGEGNERE GENNARO AMATO L’ingegnere Gennaro Amato è nato a Catanzaro. Ha conseguito la laurea in ingegneria presso l’Università di Padova. E’ stato dirigente generale della Provincia e dirigente del settore grandi opere del Comune fino al giorno della sua morte. L’ing. Amato è stato protagonista della realizzazione di importanti opere pubbliche – come il Parco della Biodiversità e l’Arena Magna Graecia – e di iniziative culturali come il Museo del Rock, Settembre al Parco, Una città per cantare.