Costanzo: ‘Abramo, La 7 e la Catanzaro ‘non da bere’

Il consigliere di Fare per Catanzaro: in tv la brutta realtà di un capoluogo di regione ridotto alla stregua di un paese del terzo (o del quarto) mondo

Più informazioni su


    La “Catanzaro da bere” di Sergio Abramo – scrive il consigliere comunale di Fare per Catanzaro Sergio Costanzo – continua a fare notizia a livello nazionale. E questa volta l’acqua c’entra davvero perché quella che scorre nei rubinetti della “città fantasma” non è certo da bere. Dopo il doppio exploit su Striscia la Notizia (prima la stazione devastata di Sala, poi la vergogna del parcheggio della funicolare) ieri è toccato a “Di martedì”, la popolare trasmissione condotta da Giovanni Floris, a proporre un servizio allarmante sull’acqua colore giallo-marrone che arriva alle famiglie e ai negozi. Un servizio che racconta la brutta realtà di un Capoluogo di regione ridotto alla stregua di un paese del terzo (o del quarto) mondo. Perfino il commissario Cottarelli, mentre guardava il servizio su Catanzaro, si è lasciato sfuggire una smorfia di disgusto. A questo ci ha ridotti Abramo che governa la città da 22 anni e che per molto tempo è stato presidente della Sorical, la società che gestisce gli acquedotti. Altro che film “Calibro 9”, – conclude Costanzo-  a Catanzaro si girano le comiche oppure i film dell’orrore”.

    Più informazioni su