Furto associazione Alveare:indignazione anche del sindaco di Belcastro

Pace: non lasciamoli soli LA NOTIZIA DEI GIORNI SCORSI E LA REAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Più informazioni su


    Due cose brutte in una: rubare a chi ha bisogno. E’aberrante quanto accaduto nei giorni scorsi presso gli edifici dell’ex scuola agraria in località Fieri di Belcastro.

    Il fatto: ladri sono entrati, nottetempo, in azione presso la sede dell’associazione  Alveare, fattoria sociale nata nel 1999. Lì operano volontari che si occupano di inclusione: ora sarà difficile fare sociale  senza i tanti attrezzi sottratti da cleptomani senza sonno e senza morale. Ammontare? Non meno di 3mila euro tra decespugliatore, trapani, saldatrice e altro ancora. Non usa giri di parole il primo cittadino di Belcastro Maurizio Pace:

    “ L’associazione Alveare sostiene progetti di integrazione di ragazzi diversamente abili di tutta la provincia di Catanzaro nella società e nel mondo del lavoro, rubare i loro attrezzi di lavoro non è il classico furto che avviene purtroppo in varie parti d’Italia,  rubare questi loro macchinari e i frutti da loro coltivati  vuol dire  togliere loro una possibilità di fare una vita normale,  una vita che già non è stata così clemente nei loro confronti. Come sindaco e come rappresentante dell’amministrazione comunale di Belcastro, esprimo vicinanza e tanta solidarietà all’intera associazione Alveare, con la speranza che, nonostante l’accanimento di questi episodi negativi i responsabili,  dell’associazione continuino a fare il loro lavoro di volontariato, aiutando i loro ragazzi e con la consapevolezza che non saranno più soli. Da pochi giorni il comune di Belcastro  ha indetto una gara pubblica per l’installazione di un impianto di video sorveglianza su tutto il territorio comunale  e le strutture dove opera l’associazione Alveare saranno video sorvegliate garantendo più  sicurezza e serenità a tutta l’associazione. Nel ringraziare i responsabili dell’Alveare e tutti loro  ragazzi per i loro lavoro, vorrei spronare le popolazioni del comprensorio ad avvicinarsi a questa associazione,  perché una volta conosciuti non si può che apprezzare questa realtà garantendo loro  aiuto e sostegno.”

    Non  è la prima volta che i ladri prendono di mira l’associazione Alveare. Tradotto:  i volontari non vanno lasciati soli, prima che gettino la spugna.

    Eb

    Più informazioni su