Delegazione di 50 rom di Scordovillo in udienza dal Papa

La delegazione di 50 rom del campo di Scordovillo e 'Ciampa' di Lamezia Terme è stata accompagnata a Roma da Papa Francesco da don Giuseppe D'Apa


Esperienza unica, quella vissuta da una delegazione di cinquanta rom residenti nel campo di Scordovillo e nella “Ciampa” che ieri mattina hanno avuto modo di incontrate papa Francesco a Roma durante l’ udienza che il Santo Padre ha avuto con cinquecento rom e sinti nella città del Vaticano.

La delegazione,  guidata da don Giuseppe d’Apa, direttore dell’Ufficio migrantes della diocesi di Lamezia Terme,  ha così vissuto “una bella ed inaspettata esperienza carica di emozione – ha detto don Giuseppe – . L’incontro con il Papa, infatti, è stato un momento di crescita e di confronto, non solo per i rom presenti”. 

Subito dopo l’udienza con papa Francesco, nel pomeriggio, la delegazione lametina ha anche presenziato all’incontro con don Giovanni De Robertis, svoltasi nell’auditorium del Divino Amore a Roma, e conclusosi con danze e balli tipici.

La visita a Roma è parte del percorso che l’Ufficio sta portando avanti da anni ponendosi come obiettivo quello dell’integrazione e del dialogo in quanto sempre più convinti che “solo l’incontro fa superare ogni paura ed abbattere ogni muro”.