Quantcast

‘Dedalo e Icaro’ protagonisti della 17esima edizione del Gutenberg

Riparte la “Fiera del libro, della multimedialità e della musica” caratterizzata da un fitto calendario di appuntamenti con autori prestigiosi. Il presidente Vitale punta in futuro ad una edizione nazionale

Più informazioni su


    L’edizione 2019 del Gutenberg è partita. Già da domani sono previsti diversi incontri, ma l’inaugurazione ufficiale si terrà il prossimo 20 maggio, all’Auditorium “Casalinuovo”, dalle ore 9,30. Decine di scuole calabresi, associazioni, biblioteche e tanti scrittori ed esperti del settore, si preparano a partecipare ai tanti, tantissimi appuntamenti in programma. Il calendario degli eventi è davvero fitto di incontri e performance, in tutte le province calabresi, e raggiungerà il clou nei giorni più caldi della manifestazione: dal 20 a 25 maggio. 
    Tanti i nomi illustri che saranno presenti, tra i quali anche lo storico Alberto De Bernardi ed i biologi Carlo Alberto Redi e Manuela Monti.

    Oltre agli incontri con gli scrittori, a Catanzaro sono previsti anche laboratori teatrali, concerti e spettacoli a cura degli studenti e di alcune associazioni. Inoltre, in Galleria Mancuso, dal 20 al 24 maggio dalle ore 10 alle ore 19, ci sarà il “#Gutenbergoff” con stand di libri e fumetti, letture sensoriali, lezioni di yoga, workshop e creatività. 

    I protagonisti dell’edizione numero 17 sono “Dedalo e Icaro” dai quali prende il nome l’intero progetto di quest’anno. Il presidente dell’Associazione Gutenberg Calabria ed ideatore del Progetto, Armando Vitale, li ha definiti due “metafore strategiche”: “Dedalo è l’inventore del labirinto – ha spiegato Vitale – e noi in questo preciso momento storico ci troviamo ad affrontare un labirinto di problemi, tra cui quelli dell’ambiente, dell’immigrazione e di un mondo tecnologico che tende a sovrastarci”. “Bisogna tentare, come Icaro, – ha detto ancora l’ideatore del Progetto – un volo che ci liberi dalle oppressioni del presente, ponendo però attenzione a che i necessari, nuovi slanci di utopia, non vengano bruciati dalla ricerca cieca dell’impossibile”. “Ai ragazzi – ha concluso – offriremo un “parco” di energie intellettuali e di personalità di cultura con i quali misurarsi sui grandi temi di attualità. Il nostro obiettivo è quello di formare menti intelligenti, menti che si interrogano, perché Gutenberg è sostanzialmente questo: una occasione per porsi delle domande e non uno strumento per ricevere risposte preconfezionate: è un progetto aperto a tutti ed ognuno si può inserire con le proprie vocazioni ed intelligenze”.
    E sul mondo della Scuola, Vitale ha affermato che “non bisogna creare scuole simili a camere iperbariche: bisogna essere invasi da “batteri” che rappresentano lo stimolo necessario per la creazione di un pensiero critico”. Vitale ha dichiarato di voler conferire alla manifestazione un respiro nazionale proponendo un’edizione che coinvolga tutte le regioni italiane. Il progetto in questi 17 anni è cresciuto ed è apprezzato anche fuori dai confini regionali. E’ di oggi, infatti, la notizia che “il Progetto Gutenberg – sezione ragazzi” ha vinto il “Premio Andersen 2019” tra i protagonisti della cultura per l’infanzia. Il riconoscimento sarà conferito nel corso della cerimonia che si terrà il prossimo 25 maggio a Genova. 

    Gli studenti che parteciperanno agli incontri sono già pronti. Durante tutto l’anno hanno letto e discusso in classe i testi di questa edizione e, come spiegato dalla dirigente scolastica del Liceo classico “Galluppi” Elena De Filippis, hanno creato dei veri e propri luoghi di ricerca, laboratori e scrittura creativa. Le sezioni di interesse sono svariate, dalla narrativa come quella di Adrian Bravi fino alla finta lievità di Pif “che scrive un testo molto ironico – ha detto la dirigente -, ma perfettamente dentro le problematiche del Meridione d’Italia”. “Vi è poi un reparto di antichistica – ha spiegato la De Filippis – che riflette sulle origini antiche e nuovi della cultura classica con grandi interpreti come Mario Lentano e poi la sezione filosofica-scientifica con il testo sui paradossi di Icaro di Carlo Bordoni. Ed ancora, il testo di Carlo Alberto Redi che si interroga sul futuro del mondo”. 

    “I ragazzi continuano a leggere – ha detto in conclusione la dirigente – e siamo convinti che non vi sia altra strada per una Scuola sempre più solitaria nel suo impegno, ma sempre più determinata ad incidere sulla formazione di uomini e cittadini che abbiano piena libertà di scelta nel futuro che verrà”. 

    Hanno preso parte all’incontro, l’assessore alla cultura della Regione, Maria Francesca Corigliano; l’assessore alla cultura del Comune di Catanzaro, Ivan Cardamone; la coordinatrice del Gutenberg Ragazzi, Rosetta Falbo; la coordinatrice delle Consulte calabresi dell’Usr Franca Falduto e Mario Spagnolo della Banca Centro Calabria.  

    Daniela Amatruda

    IL PROGRAMMA DEL GUTENBERG

    Più informazioni su