Arte, una mostra realizzata da un docente e dai suoi ragazzi (VIDEO)

Sino al 20 maggio Armonie di legalità realizzata a cura di Giovanni Curto. La mostra nei corridoi del plesso Galati dell'Ic Mater Domini di Catanzaro

Più informazioni su


Educare alla bellezza significa educare alla legalità. E quindi vivere in armonia. E’ partendo da questa asserzione che i ragazzi del plesso Galati dell’IC Mater Domini di Catanzaro hanno lavorato con il loro docente di Arte, Giovanni Curto, per realizzare le opere  esposte nei corridoi della loro scuola. Una mostra dal titolo emblematico, “Armonie di legalità”, inaugurata dal dirigente scolastico Amelia Roberto che ha avuto parole d’elogio per l’attività portata avanti da Curto.

“Un docente che ama così tanto il suo lavoro da coinvolgere e appassionare tutti i suoi alunni, nessuno escluso. Un professore – ha spiegato il dirigente – che con la sua arte entusiasma tutti i colleghi che con lui collaborano. E, alla fine, ecco che le opere che presentiamo oggi sono molto di più che un esercizio pratico ma il prodotto di quella che davvero si può definire la buona scuola”. 
Prima del taglio del nastro è stata la docente di inglese, Maria Rocca, a illustrare le finalità di questo progetto che, in realtà, ne congloba altri due: uno relativo all’Unesco e l’altro sulla storia dell’arte che ha portato i ragazzi a visitare e studiare Tiriolo e Papasidero, proponendo anche una video descrizione in inglese di questi due luoghi calabresi che racchiudono straordinarie testimonianze del nostro passato. Presente anche il presidente del  Consiglio d’Istituto, Antonio Angotti, che ha sottolineato la qualità della proposta didattica di questa scuola. 
Visitando la mostra, emerge la straordinaria passione di Curto, artista catanzarese dal grande valore, che da sempre si dedica con dedizione all’insegnamento, riuscendo ad ottenere risultati per “i quali – dice non senza emozione – anch’io mi stupisco. I ragazzi raggiungono livelli di perfezione come se fossero già avvezzi all’arte. Il laboratorio, per loro, diventa stimolo, legalità, giustizia”. E l’osservatore non può che compiacersi per ciò che scorge sulle tele. Così non può che apprezzare l’armonia che traspare dall’esibizione della “Lampasi filarmonica orchestra”, l’orchestra dell’istituto che si è esibita per l’occasione. La mostra si potrà ancora visitare nella giornata di lunedì 20 maggio.

Più informazioni su