Quantcast

Beach Soccer, la Lokrians prende il nome di LBC Catanzaro foto

Giocatrici provenienti da tutto il mondo si allenano nella nostra città e la rappresenteranno al prossimo campionato europeo 

Più informazioni su


    La riconoscenza e il senso di appartenenza sono valori che non si possono comprare. Le radici e la tua terra sono emozioni che ti porti dentro ed in ogni parte del mondo. Puoi lavorare in Lombardia, California, Lazio e mezza Europa ma la tua casa è la tua casa: non la puoi rinnegare. La Calabria è nel cuore di Vittorio Zadotti, imprenditore di successo nazionale nato a Locri ma con forti radici catanzaresi che da anni lavora fuori regione ma non riesce a staccare il cordone ombelicale con questo mare e questo sole. Ecco perchè con il suo marchio di vestiario sportivo, la Lokrians con logo grecale, ha deciso di sponsorizzare una squadra di beach soccer che già da due anni partecipa ai campionati nazionali e internazionali della disciplina. Anche il prossimo eurowinnerscup in Portogallo, in programma dal 3 al 10 giugno prossimi, vedrà impegnata la Lokrians nella competizione definita come la Champions League del Beach. Dopo l’esperienza positiva del 2018, adesso la nuova avventura riparte con l’obiettivo di rappresentare degnamente la Calabria in Europa e, per farlo, c’è bisogno di un nuovo nome e una nuova programmazione. Signore e signori, da oggi la Lokrians Beach Club si chiamerà LBC Catanzaro. Dare il nome del capoluogo alla squadra e a darne notizia proprio in queste ore non è affatto un caso. “Oggi , nel giorno di San Vittorio Martire – ci dice Vittorio Zadotti – decido di dare il nome di Catanzaro alla mia Lokrians per omaggiare mio nonno Vittorio che nacque nel capoluogo il 12 luglio del 1896. Una decisione maturata in questi giorni in cui le ragazze della nostra società risiedono nel quartiere Lido e si allenano alla struttura del SantaFè e in una palestra nella zona dei giardini di San Leonardo. Sono state accolte benissimo dalla gente e da ragazzi che possiamo definire nostri tifosi che già le seguono ogni giorno al campo.

     

    Abbiamo trovato disponibilità , accoglienza e una città d’amare che oggi riceve giocatrici che arrivano da ogni parte del mondo. Abbiamo in organico – prosegue Zadotti – tre brasiliane, una polacca e altre giocatrici che provengono dalle Marche, Padova, Campania e tutta la Calabria. Sono entusiaste del nostro mare e delle nostre bellezze. Ho deciso di darle il nome di Catanzaro per riconoscenza, rispetto e amore verso mio nonno ma anche per dare alla Lokrians un senso di identità. Anche per questo le ragazze domani saranno allo stadio Ceravolo con sciarpa giallorossa al collo e la tuta della nostra società per fare il tifo per le aquile. Invito la cittadinanza tutta a starci vicino, coccolare queste giocatrici e darci la spinta per dare il massimo in Portogallo il prossimo mese di giugno alla champions league e poi ad agosto, a Napoli, dove ci contenderemo il titolo di campionesse d’Italia. E’ bello – conclude il numero 1 della LBC Catanzaro– sapere che ci alleniamo sullo stesso campo del Beach Soccer Catanzaro maschile e avere buoni rapporti con loro. Sono orgoglioso di aver fatto questa scelta anche per far felici il direttore generale Valentina Lamanna e il mister Gianluigi Mardente, catanzaresi e giallorossi doc. Concludo ringraziando il ds Valentina De Leo per il grande lavoro svolto finora e mando un grosso bacio a tutte le mia ragazze che stanno faticando nella nostra nuova casa: Catanzaro”.

    Ro.To.

    Più informazioni su