No alla violenza sulle donne con un progetto che educa ai sentimenti

Firmato accordo tra la Provincia, la Regione Calabria ed i Centri antiviolenza. Concorso a premi per i migliori progetti scolastici VIDEO 

Più informazioni su


    È stato presentato questa mattina, nella sala Giunta della Provincia, il Progetto “Break the Silence” promosso dalla Provincia di Catanzaro, dalla Regione Calabria e dall’Ufficio scolastico regionale della Calabria, in collaborazione con i Centri antiviolenza: il Centro calabrese di solidarietà, il Centro antiviolenza Mondo Rosa, la Fondazione Città Solidale Centro antiviolenza Aiuto Donna, il Centro antiviolenza Demetra, l’associazione Astarte Onlus Centro antiviolenza e l’associazione Attivamente coinvolte onlus Centro antiviolenza.

    Tanti i soggetti coinvolti ed un unico obiettivo: realizzare iniziative tese a prevenire e contrastare la violenza di genere attraverso la promozione, tra gli adolescenti, di comportamenti responsabili sia nella vita quotidiana che nella vita virtuale, con particolare riferimento anche all’uso della scrittura e del linguaggio sui social network. Al termine dell’incontro, infatti, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni di contrasto al fenomeno della violenza sulle donne. A tal fine, la Provincia di Catanzaro, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico regionale, ha indetto un concorso a premi indirizzato agli istituti scolastici della provincia, di primo e secondo grado, che avrà per oggetto la realizzazione di elaborati (disegni, poesie, mini racconti) e immagini (foto o video) atti a diffondere la cultura della parità di genere, in particolare a favore delle donne e contro ogni forma di violenza. Sarà valutato, pertanto, oltre alla qualità del messaggio, anche la sua efficacia, l’impatto, la capacità di informare e sensibilizzare gli studenti.

    Gli elaborati verranno valutati, in forma anonima, da una Commissione formata da esperti della Provincia di Catanzaro e dell’Ufficio scolastico regionale. Tra i criteri di valutazione: originalità, efficacia comunicativa, capacità di elaborazione, rispetto delle indicazioni formali del bando, qualità e motivazione del percorso didattico che ha stimolato e accompagnato la realizzazione dell’elaborato. Nell’ambito del progetto, inoltre, saranno avviati incontri e workshop tematici con il coinvolgimento degli esperti dei Centri Antiviolenza del territorio. Ad illustrare i dettagli del progetto, la consigliera di parità della Provincia e responsabile dell’iniziativa Elena Morano Cinque, il presidente della Commissione regionale antiviolenza Cinzia Nava e la responsabile della comunicazione Donatella Soluri.

    Daniela Amatruda

    Più informazioni su