Amc, Bosco: ‘Da Gagliano a Lido stesso tempo che per Reggio Calabria’

Il consigliere comunale torna su tutte le segnalazioni di disservizio della mobilità pubblica cittadina rimaste lettera morta 

Più informazioni su


    ”Nei due anni di consiliatura più volte si sono messi in evidenza numerose problematiche relative al trasporto pubblico e alla gestione dell’Azienda partecipata dal Comune che se ne occupa. Sono state segnalate: lo stato irriguardoso delle pensiline, i numerosi guasti ai mezzi, la carenza delle corse e i tempi biblici per raggiungere le diverse zone della città. Solo qualche mese fa, con un esperimento fatto sul campo, ho testato di persona quanto tempo una persona potesse impiegare, utilizzando i mezzi pubblici, dal quartiere di Gagliano al quartiere marinaro.

    Il risultato, alcuni ricorderanno, è stato di 1 ora e 33 minuti. In pratica, lo stesso tempo per raggiungere Reggio Calabria. A questo possiamo aggiungere l’atteggiamento a tratti provocatorio del management (con la connivenza dell’Amministrazione controllante) che inanella bugie su bugie, come quella sulla riapertura della Funicolare, che doveva essere attivata mesi e mesi fa. Ma vi è di più! Proprio nella giornata di oggi i passeggeri hanno dovuto subire l’ennesimo smacco: nella zona di Santa Domenica, un autobus in panne per mancanza di acqua nel radiatore, almeno così è stato riferito da testimonianze, ha lasciato letteralmente a piedi i fruitori del servizio i quali sono stati invitati a raggiungere un’altra fermata o attendere in un orario non meglio precisato un autobus sostitutivo.

    Tutto questo rasenta l’assurdità. Non si capisce il motivo per cui un’Amministrazione comunale debba affidare la gestione del trasporto pubblico ad un management che fino ad ora non ha certamente contribuito a migliorare il servizio. Non ne facciamo una questione di numeretti e bilanci bensì di reali benefici che ne possono avere i cittadini da un servizio pubblico essenziale come quello dei trasporti. Il primo cittadino dovrebbe chiarire se contano di più le postazioni dei manager oppure i diritti dei catanzaresi.  Esigiamo risposte immediate e concrete e non ritrite parole al vento”. E’ quanto afferma il consigliere comunale di Cambiavento Gianmichele Bosco

    Più informazioni su