Catanzaro Calcio, futuro in ballo tra voci e riflessioni

Appare meno scontata la conferma di mister Auteri ma tutto in realtà è in evoluzione 

Più informazioni su


    In attesa di notizie ufficiali capaci di sgombrare il campo sul futuro – a trecentosessanta gradi, partendo dalla possibilità del patron di proseguire a pieno fino ad arrivare alla guida tecnica – è con un mare di voci che il Catanzaro è obbligato a confrontarsi in queste ore. Il ricorso per l’annullamento o quantomeno la riduzione della squalifica inflitta al massimo vertice della società giallorossa e al diesse Logiudice è in fase di messa a punto: verrà presentato entro martedì dall’avvocato Chiacchio e discusso in udienza presumibilmente a metà giugno. A creare ben più scalpore, però, nella piazza sono le voci di una possibile rivoluzione tecnica a “progetto in corso” che vedrebbe la posizione di Auteri ancora al vaglio in via Gioacchino da Fiore alla luce della stagione appena terminata e, pare, la sua conferma non del tutto scontata per la prossima. Così sembrerebbe, in  effetti, con i contatti costanti tra le parti, le valutazioni, e la necessità di chiarire maggiormente gli orizzonti nei prossimi giorni. Smentita comunque l’ipotesi di un flirt tra la Reggina e l’allenatore di Floridia – gli amaranto chiuderanno a breve con Toscano per due anni – nel mentre, già si affacciano i rumors di calciomercato con i pezzi pregiati della rosa appetiti da altri club. 

    SETTORE GIOVANILE – Occhi che sembrerebbero  essersi posati parimenti sul vivaio giallorosso: non solo sulle giovani promesse – sono in diversi ad essere attenzionati dalla cadetteria –  ma anche su chi da anni lavora per farle sbocciare regalando ossigeno puro al club sia in termini economici che tecnici – si pensi ai vari Celia, Furina, Ielo, Caliò, Cotroneo, Imperiale e Cristiano. E’ il caso di Carmelo Moro, da sette anni alla guida della cantera di casa aquile e a quanto pare al centro di diversi
    interessamenti – non ultimo anche quello da parte del Cosenza – per la prossima stagione. 

    Gianfranco Giovene

    Più informazioni su