Sfuggono a posto di blocco e dopo arresto dicono: ‘Era per una birra’

Veloce e repentina  azione della della Squadra Volanti 

Più informazioni su


    di Giulia Zampina

    Capillare ed attenta l’attività di controllo del territorio della Squadra Volante della Questura di Catanzaro, diretta da Amalia Di Ruocco, ha permesso, ancora una volta, di assicurare alla giustizia due soggetti, intenti a sfuggire al controllo dei poliziotti con una spericolata fuga. Gli agenti, agli ordini del Vice questore Giacomo Cimarrusti, durante un posto di controllo in Viale Isonzo   hanno notato una Fiat Punto con all’interno due persone ben note per i loro precedenti. I poliziotti hanno intimato l’Alt ma, anziché rallentare ed arrestare le corsa, per eludere il controllo, il conducente del  veicolo repentinamente aumentava la velocità.  Immediatamente la Volante iniziava  l’inseguimento dei fuggiaschi che, nella forsennata corsa mettevano a repentaglio anche l’incolumità degli altri mezzi transitanti e persino delle persone a piedi, per la fortissima velocità, le manovre azzardate e, persino, imboccando un contromano.

    Tallonata dalla Volante l’auto ha impattato contro un marciapiede e qui i fuggitivi sono stati immediatamente bloccati dagli Agenti che ne hanno impedito l’ulteriore fuga a piedi.

    Cosimo Damiano Passalacqua catanzarese di 22 anni, che vanta numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, molteplici segnalazioni all’Autorità Giudiziaria e diversi arresti per furto e inottemperanza agli obblighi delle misure di prevenzione,  è stato tratto in arresto per i reati di  violenza e minaccia a pubblico ufficiale in concorso, violazione delle prescrizioni della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno e di presentazione alla P.G. in orari stabiliti  per due volte in tutti i giorni.

    Violazione che il 22enne, con sarcasmo ed ironia e in totale spregio  ha motivato per “andare a bere una birra”.

     Su disposizione del P.M. di turno Passalacqua Cosimo D. è stato posto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dinnanzi al Giudice competente che si è svolta questa mattina confermandone la misura .

    P. L. catanzarese di 33 anni, che vanta numerose condanne per vari reati ed altri precedenti di polizia, è stato denunciato in stato di libertà  all’Autorità Giudiziaria per il reato di violenza a pubblico ufficiale in concorso, per non essersi fermato all’Alt intimato dai poliziotti e per aver generato una situazione di grave e generale pericolo con la spericolata e pazza fuga alla guida

    Più informazioni su