‘Uno sguardo amico’, prosegue programma di prevenzione acuità visiva

Il progetto viene realizzato nelle scuole dell’infanzia (alunni 3-5 anni) e nel I° Ciclo delle scuole primarie (alunni 6-7 anni)

Più informazioni su


    Prosegue il routinario programma di prevenzione dell’acuità visiva “Uno sguardo amico”, realizzato dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro con i Servizi Promozione della Salute, Resp.le Dr.ssa Rosa Anfosso, che afferisce al Dipartimento di Prevenzione diretto dal Dr. Giuseppe De Vito, ed Oftalmologia Distrettuale, Dr.ssa Floriana Ranieri, che afferisce al Distretto Socio Sanitario di Catanzaro diretto dal Dott. Maurizio Rocca, con la preziosa collaborazione dell’ANPVI (Associazione Nazionale Privi della Vista ed Ipovedenti) coordinata a livello locale e nazionale dal Sig. Egidio Riccelli. Il progetto gode del patrocinio del Lions Club Catanzaro Host, presieduto dal Dott. Giuseppe Raiola, che da anni oramai ha sposato questa causa nel giusto spirito di operare nel sociale con interventi di prevenzione per le fasce più deboli della popolazione. Il progetto viene realizzato nelle scuole dell’infanzia (alunni 3-5 anni) e nel I° Ciclo delle scuole primarie (alunni 6-7 anni), nelle piazze con il coinvolgimento anche della popolazione adulta e, per i dipendenti di enti ed istituzioni. A tal proposito il 21 ed il 28 di questo mese dalle ore 9 alle ore 13,00 il controllo visivo sarà effettuato ai dipendenti della Cittadella Regionale – Regione Calabria, previo accordo tra i promotori del programma e la Presidenza della Giunta Regionale, con la collaborazione del Capo Gabinetto Avv. Gaetano Pignanelli. La visita oculistica di I° livello sarà effettuata dall’oculista Floriana Ranieri coadiuvata dall’Infermiera pediatrica Valentina Critelli, Servizio Promozione della Salute, all’interno di un Camper debitamente attrezzato, messo a disposizione dall’ANPVI e guidato dal volontario Antonio Nuzzo, che sosterà nel cortile della Cittadella. La visita prevede: l’esame dell’acuità visiva con tavola ottotipica, l’autorefrattometria, la tonometria e l’esame del fondo oculare in miosi

    Più informazioni su