Assemblea annuale ordine dei medici, giuramento per i neolaureati

Premiazione per i medici iscritti da 45 anni all'Ordine

Più informazioni su


    “Sappiate di aver scelto una professione che comporta sacrificio, rinunce ed impegno personale come poche, ma piena di soddisfazioni, se interpretata con l’entusiasmo e la passione di cui siete portatori, rispettando i valori etici fondanti del nostro Codice Deontologico”: queste sono le parole che il Presidente dell’Ordine dei Medici Catanzaro, Vincenzo Antonio Ciconte, ha rivolto ai neolaureati. durante l’Assemblea Annuale dell’Ordine, che hanno ricevuto la pergamena di giuramento di Ippocrate. Un momento speciale di incontro tra nuove e vecchie generazioni. E’ stata conferita, infatti, una medaglia ai medici che hanno conseguito i 45 anni di iscrizione all’Ordine, “I colleghi che abbiamo premiato – ha affermato Ciconte – hanno vissuto la loro vita professionale con dedizione, passione e amore ed hanno rappresentato un efficace punto di riferimento sia nell’ospedale che sul territorio, trasmettendo oltre al sapere del professionista i valori etici e morali propri dell’uomo, rispettando rigorosamente i dettami deontologici.” Tanti gli argomenti toccati dal Presidente dell’Ordine dei Medici nella sua relazione: “Preoccupa molto la proposta attuale di regionalismo differenziato che porterebbe un aumento di autonomia delle regioni per quanto riguarda la sanità, con ulteriore gettito finanziario nelle regioni più ricche ed efficienti ed inevitabile impoverimento delle regioni del sud, dove già si rileva un sistema in grave crisi. La soluzione potrebbe essere un sistema perequativo che si configura nel regionalismo solidale, in attuazione agli articoli 3 e 119 della Costituzione che promuovono l’uguaglianza dei cittadini e la solidarietà tra le Regioni”. “Un altro problema scottante – ha sottolineato Ciconte – di grande attualità nazionale, è rappresentato dalla carenza dei medici. Pensionamenti, blocco del turnover e pochi giovani specializzati, determinano attualmente una mancanza di ottomila medici negli ospedali, duemila solo nel Pronto Soccorso. Il decreto Calabria, voluto fortemente dal Ministro Grillo, ha varato lo sblocco del turnover nelle regioni con piano di rientro e il nuovo tetto di spesa per le altre e l’assunzione degli specializzandi del IV e V anno negli ospedali. Inoltre, per far fronte alla carenza di medici, il ministro Grillo ha assicurato di aver aumentato le borse delle Scuole di specializzazione ed anche quelle per la medicina generale; infine è stato ampliato il numero dei posti per l’accesso a medicina. E’ chiaro che il frutto di tali misure si vedrà a distanza di tempo, ma allo stato attuale la situazione è di grande emergenza.” “Inoltre – aggiunge Ciconte – il prolungamento del commissariamento da parte del nuovo governo e il conferimento, tramite il decreto Calabria, di ulteriori poteri e competenze al commissario stesso, le continue prese di posizioni in contrasto tra governo regionale, Ministro della salute e commissari, non fanno presagire la risoluzione dei gravi problemi che affliggono la nostra terra. Senza dimenticare la legge sull’Azienda unica Ospedale-Università, approvata all’unanimità dal consiglio Regionale ma impugnata dal Governo. Credo sia necessario riprendere un dialogo costruttivo tra le diverse istituzioni e proseguire uniti per il rilancio di questa nuova azienda, unica nel meridione d’Italia. Non vi è dubbio che questa nuova entità porterebbe vantaggi enormi in termini di salute e benessere ai cittadini dell’intera regione.” Durante l’assemblea è stato dedicato un ricordo ai medici scomparsi nell’ultimo anno ed è stato presentato e approvato il rendiconto consuntivo relativo al 2018 I giovani ai quali è stata consegnata la pergamena di giuramento di Ippocrate sono: Lucia Alcaro, Pietro Alosi, Alessandro Arone, Fabrizio Barbagallo,Simone Benvenuto, Carmela Borelli, Francesco Saverio Brunetti, Anna Maria Buono, Antonio Caroleo, Luca Catarisano, Valentina Celano, Antonio Ciliberto, Luisa Clericò, Alessandro Corea, Chiara Davoli, Anna De Sando, Enrica De Santis, Federica Donato, Diego Dragone, Viviana Facciolo, Valentina Farenza, Anna Fazzari, Francesco Ferragina, Danilo Flauti, Martina Formica, Luigi Fusto, Alessia Gallo, Chiara Gnasso, Tommaso Guzzi, Anna Pia Innacchero, Jessica Ielapi, Stefano Iuliano, Paola Lacroce, Francesco Lamanna, Jacopo Lauria, Immacolata Lazzaro, Erica Lo Turco, Francesco Luciano, Cristian Romolo Macchione, Giuseppe Magro, Cinzia Mancuso, Luana Mancuso, Maria Manno, Cristina Maruca, Flavio Mastroianni, Valentina Merante, Maria Mirabelli, Danilo Montisano, Giuseppe Nanci, Elena Orlando, Luana Orlando, Jessica Paparo, Andrea Parente, Nicola Parentela, Elda Perugini, Lucrezia Pulitanò, Francesca Pullano, Simone Pultrone, Maria Luisa Renda, Vincenzo Riverso, Fioramante Lello Rotundo, Salvatore Rotundo, Valentina Sanzo, Giuseppe Saraco, Miriam Scerbo, Aleandra Scozzafava, Marco Sigilli, Claudia Simio, Martina Tolone, Giusi Transtevere, Valentina Uppolo, Maria Stella Vescio, Valerio Veraldi, Zaccone Gregorio. I neo iscritti all’albo odontoiatri sono: Francesco Aloe, Attilio Angotti, Emanuele Candido, Maria Teresa De Grazia, Melania Mellace, Italo Palmieri, Evgeniya Ratkina, Dalila Rovito, Francesco Scarpino, Enrico Scotto, Lorenzo Trovato. I medici premiati che hanno conseguito i 45 anni di iscrizione all’Ordine sono: Michele Arrotta, Antonio Biamonte, Aldo Cuda, Antonio Fernando De Francesca, Alfonso De Vito, Giovanni D’Onofrio, Francesco Falvo, Luigi Fantasia, Tommaso Fazio, Giovanni Forte, Armando Furia, Eleonora Gimigliano, Pier Paolo Ianni Palarchio, Ida Lo Schiavo, Giovanbattista Macri, Raffaele Miceli, Giuseppe Montepaone, Paolo Opipari, Nicola Paolillo, Carlo Peta, Carlo Rainone, Felice Reverso, Gianfranco Rocca, Francesco Teti, Pasquale Valente, Angelo Gerardo Villella, Attilio Vitale.

    Più informazioni su