Alm Calabria: Perchè non ancora nominato il Garante dei detenuti?

L'associazione sollecita il Presidente del Consiglio Regionale della Calabria e al Presidente della I Commissione "Affari Istituzionali"

Più informazioni su


    Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Alm Calabria

    Come Associazione Radicale Nonviolenta, con Mina Welby e Rocco Ruffa abbiamo appena inviato, al Presidente del Consiglio Regionale della Calabria e al Presidente della I Commissione “Affari Istituzionali”, una lettera per sollecitare – ancora una volta – la nomina del Garante regionale per i diritti dei detenuti. A seguire  il testo.

    Illustrissimi Presidenti, La Legge Regionale numero 1 del 29 gennaio 2018 ha istituito in Calabria la figura del “Garante regionale delle persone detenute o private della Libertà”. Una figura definita dal Consiglio Regionale “estremamente importante” già al momento della sua istituzione ma che – a un anno e mezzo quasi – non è ancora stata eletta dal Consiglio Regionale calabrese. Questo nonostante la procedura di selezione abbia già individuato i candidati “idonei” dal 26 ottobre 2018.

    E nonostante il sovraffollamento carcerario sia aumentato, la possibilità di lavoro in carcere si sia ridotta al lumicino e il diritto alla salute spesso è calpestato anche nelle galere calabresi. Per questo ci permettiamo di ricordar Loro che – lo scorso 5 luglio 2018-, in occasione di un sit-in che come associazione Radicale Nonviolenta Abolire la miseria – 19 maggio avevamo organizzato sotto i portoni del Consiglio Regionale per chiedere la rapida nomina del Garante, il Presidente della I Commissione, On. Franco Sergio, ci aveva ricevuti assicurandoci che la Calabria avrebbe avuto il Garante regionale non più tardi dell’autunno 2018. Già lo scorso 20 febbraio – inviando Loro e a tutti i consiglieri regionali una lettera – avevamo constatato che l’autunno era trascorso, l’inverno pure volgeva al termine e che – già allora – rischiava, come rischia ancora oggi, di vedere trascorrere l’attuale Legislatura Regionale, senza che questa figura di Garanzia, fondamentale per il rispetto dei diritti umani, sia eletta dal Consiglio Regionale della Calabria. Per questo, rinnovando Loro e per il Loro tramite ai Consiglieri Regionali tutti, l’appello ad eleggere subito il Garante, ci permettiamo di chiedere la disponibilità ad un incontro ‘propiziatorio’ e utile a chiarire i tempi previsti per l’elezione da parte del Consiglio Regionale di questa importante figura.

    (foto di repertorio)

    Più informazioni su