Videointervista incendio Eucaliptus, arriva la rettifica

La famiglia Coraci ritiene che videodichiarazioni rilasciate a Catanzaroinforma siano riferibili a loro e risponde attraverso una nota dell'avvocato Pizzari

Più informazioni su


    In riferimento all’intervista video rilasciata da Sergio Gaglianese all’indomani dell’incendio del villaggio Eucaliptus riceviamo e pubblichiamo precisazione a firma dell’avvocato Pizzari. “Gaglianese- si legge – muovendo da un incendio del 24-25 giugno u.s. ad attrezzature condominiali del Villaggio Eucaliptus, ha rilasciato dichiarazioni che i miei assistiti (Carmelina Magone e figli) ritengono riferibili, per il contenuto, agli stessi, adombrando sospetti, attraverso il riferimento ad una serie di vicende quali: recente episodio di aggressione fisica ad un suo collaboratore addetto alle pulizie di aree presenti in villaggio; sbarramento di una stradina che conduce a mare bloccata da accumulo di sabbia che non consente alle persone di acceder sull’arenile pubblico; tre epidosi di incendio di tre suoi veicoli; minacce di morte e di aggressione; mancata consegna allo stesso di un ufficio in uso all’amministrazione del villaggio Eucaliptus. Dichiarazioni tutte condite da sentimento di frustrazione e chiosate dall’ipotesi di assenza di futuro turistico del Villaggio Eucaliptus. Il Gaglianese ha concluso l’intervista ipotizzando di rassegnare le dimissioni dall’amministrazione temendo per l’incolumità personale e familiare. Le allusioni a fatti specifici consentono di risalire ai membri della famiglia Coraci, residente in quel villaggio da oltre trent’anni, specie per le oltre 300 famiglie proprietarie di altrettante abitazioni in un villaggio a sua volta innestato in un più amplio tessuto urbanizzato collocato più a monte che, di fatto, utilizza il villaggio medesimo per servizi ed accesso o sbocco al mare. Le dichiarazioni in esame non sono veritiere e comunque smentite da atti pubblici (provvedimenti giurisdizionali) formatisi sugli aspetti toccati dal Gaglianese. La famiglia Coraci provvederà a tutelarsi nelle sedi più opportune”.

    Più informazioni su