Catanzaro, gli ausiliari dell’Home Care ancora senza paga

Nonostante la delibera pubblicata più di 15 giorni fa dall’Asp di Catanzaro

Più informazioni su


    Anche volendo andare al di là delle migliori aspettative e volendo anche abbondare con la fiducia verso le Aziende che in quanto pubbliche dovrebbero avere particolare sensibilità in tema di sussidiarietà e di compartecipazione, spiace dovere constatare che a più di 15 giorni dalla pubblicazione della delibera dell’Asp di Catanzaro che, sia pur parzialmente, sbloccava la situazione a favore degli ausiliari del progetto Homecare, nulla di concreto sia accaduto. Detto in soldoni (magari …), nessun bonifico è giunto sui conti correnti dei 15 operatori sociosanitari inseriti nel pluripremiato progetto Homecare, in attesa di ricevere i compensi del lavoro svolto da settembre 2018 fino al 30 giugno ultimo.

    l progetto Inps Home Care Premium, che prevede assistenza domiciliare a persone non autosufficienti, aveva impiegato anche questi 15 Oss facenti parte della Cooperativa Multiservizi di Catanzaro in forza di una convenzione stipulata con Asp e Comune. Mentre gli operatori effettivi del progetto sono stati regolarmente liquidati dall’Inps, i 15 dovevano essere liquidati dall’Asp. Li avevamo lasciati, rinfrancati, sulle scale della Direzione generale. Dopo innumerevoli tentativi durati settimane e mesi erano riusciti nell’obiettivo minimo: vedere pubblicata la delibera che autorizzava la tesoreria dell’Azienda sanitaria a provvedere al pagamento sia pur parziale, solo 4 mesi da settembre a dicembre 2018, delle spettanze. Purtroppo, rischiamo di vederli nuovamente sulle stesse scale a ripetere gli stessi gesti e le stesse richieste degli ultimi mesi. Non sappiamo se i tempi siano compatibili con il normale svolgersi dei passaggi burocratici. Ed è altamente probabile che la risposta degli uffici, se mai arriverà, conterrà questa giustificazione su cui quasi sempre non si può che rispondere con un’alzata di spalle, un sospiro e un’imprecazione. Ma la realtà cruda ce la scrive un’operatrice nell’aggiornarci della vicenda: «Ancora una volta hanno dimostrato di non interessarsi alla nostra situazione e che prendono con molta calma e indifferenza senza avere nessun rispetto per noi».

    Domani mattina il presidente della cooperativa si recherà nuovamente al Madonna dei Cieli. Chissà, un miracolo… 

     

    Lello Nisticò  

    Più informazioni su