Tallini ribadisce: candidato presidenza Regione spetta a Forza Italia

In una intervista a Radio Crt "Quando le altre forze saranno pronte, ci siederemo insieme al tavolo"  


Ospite di Ugo Floro nella trasmissione in onda su Radio CRT, Mimmo Tallini ribadisce: “Il candidato alla presidenza della Regione per il centrodestra spetta a Forza Italia”.

Il consigliere regionale, che  auspica si voti novembre, sostiene che Oliverio spinga per febbraio per aumentare le chance di organizzarsi ed ottenere la sua ricandidatura (certezza che, a dire di Tallini, al momento non c’è).

Mario Occhiuto? “Certamente non è un candidato della Lega. La Lega ha dichiarato di non essere interessata ad avere la Calabria – dice Tallini.

“Ci sono degli accordi nazionali – siglati prima delle europee – in base ai quali è stato stabilito che la candidatura in Calabria fosse di Forza Italia. Capisco che è cambiato il mondo, che le europee hanno avuto un effetto sconvolgente, però FI ha ottenuto una percentuale dignitosa rispetto alla débâcle nazionale mantenendo i suoi deputati, senatori, sindaci, la sua organizzazione in tutta la Calabria”.   

“La novità è che Salvini è venuto in Calabria e ha detto che la Lega non è interessata. Fratelli d’Italia punta all’Umbria” – incalza il leader azzurro.

Se saltano gli accordi cosa accadrà? Avanti, anche, senza Occhiuto? Tallini non ha dubbi: “Non può esistere tale teoria. Occhiuto va dove dice FI, FI va dove dice Occhiuto. Una simile separazione non potrà esistere”.

Aiello e Gentile? Anche su questo Tallini è chiaro: “Dovranno chiarire la loro posizione. Aspettiamo di capire. Alla Regione, fino a due anni fa, sono stati con il centrosinistra. Organici al centrosinistra. Gentile è stato eletto all’ufficio di presidenza con i voti della maggioranza. Questo è acqua passata. Se vogliono parlare con Forza Italia, lo devono dire. Chiunque volesse parlare con FI, non avrà problemi a farlo perché noi siamo disponibili. Oltre tutto a Catanzaro governiamo insieme Comune e Provincia”.

“I ragionamenti si fanno all’interno del partito. FI ha scelto Occhiuto attraverso una discussione nel coordinamento regionale. L’analisi è stata basata sul fallimento di Oliverio e sui requisiti che deve avere il candidato a governatore. Detto questo – conclude – non è detto che, quando saranno pronte le altre forze politiche che avranno a loro volta l’ok dal nazionale – e i tempi saranno giusti a loro  parere – ci si siederà al tavolo e diremo: dobbiamo scegliere il candidato? Il candidato spetta a FI? Noi abbiamo scelto Occhiuto. Perché rispecchia i requisiti necessari per il rinnovamento. Il ragionamento è molto semplice. Il resto sono illazioni”. 

Alessia Burdino