‘Camici liberi’,sequestro preventivo di 58mila euro a dirigente medico

L’ipotesi di reato contestata è quella di truffa ai danni del servizio sanitario nazionale

Più informazioni su


    Aveva optato per un regime di esclusività con l’azienda ospedaliera in cui lavora, ma in realtà svolgeva anche attività libero-professionale. Per questo motivo i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro hanno sottoposto a sequestro preventivo, in esecuzione di un decreto del gip, 58.723 euro a un dirigente medico ortopedico dipendente di un ospedale di Catanzaro. Il medico è indagato per truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale. Le indagini, dirette dal pm Veronica Calcagno, con il coordinamento del procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e del procuratore Nicola Gratteri, e condotte dal Gruppo tutela spesa pubblica del nucleo Pef della Finanza hanno evidenziato che nella sua attività libero-professionale, il medico aveva fatturato in nome e per conto proprio e ottenuto elevati compensi. Per l’accusa il professionista ha percepito, tra il 2013 ed il 2015, indebiti compensi, indennità e retribuzioni per remunerare il rispetto dell’esclusività, pari a 58.723 euro.

    Più informazioni su