Arte Danza, conclusa un’annata entusiasmante

Il culmine dell'anno accademico grande festa del saggio-spettacolo di fine anno come sempre  un must da tutto esaurito al teatro Politeama LE FOTO PIU' BELLE DEL SAGGIO CONCLUSIVO DEL POLITEAMA

Più informazioni su


    E’ stato un anno accademico davvero entusiasmante quello che si è appena concluso per  “ArteDanza”, l’accademia catanzarese della danza tra le più importanti realtà italiane e del Meridione. Anche quest’anno la sapiente direzione artistica del maestro Giovanni Calabrò ha “accompagnato” numerosi ragazzi consentendo loro di formarsi a livello professionale realizzando sogni ed aspettative che albergano nel loro cuore. Numerose sono state infatti le iniziative professionali di spessore affrontate durante quest’anno dagli allievi della scuola.
    A partire dalle audizioni tenutesi a Rimini per entrare nella scuola del Teatro dell’opera di Vienna  (Wiener Staatsballett) con quattro ragazzi che le hanno superato brillantemente.  
    Poi l’Italian Dance Award di Roma dove la scuola si è distinta per aver fatto incetta di primi posti in varie categorie, gruppi e solisti, ma il riconoscimento più importante elargito in quella manifestazione è stata l’ammissione diretta al Tanzoymp Berlino, una manifestazione internazionale alla quale partecipano accademie di tutto il continente. Proprio qui, a febbraio, ben 30 ballerini della scuola si sono distinti (su 800 partecipanti) ottenendo non solo primi, secondi e terzi posti in varie categorie ma anche un prestigioso invito a partecipare alla Gran Serata di Gala per un ballerino classificatosi primo nella categoria contemporaneo. Si tratta di Samuele, 13 anni, che ha potuto esibirsi con le più grandi stelle del balletto internazionale ed alla presenza del grande Vasiliev, icona della danza nel mondo.
    Ad aprile si è svolta per tutti gli iscritti la consueta sessione annuale di esami accademici presso la sede di Artedanza a Catanzaro alla quale hanno partecipato come esaminatori Nicol Tranà (Royal Ballett School -Londra), Oliver Mats (Zurich Dance Academy – Zurigo), Pino Carbone e Ivana Chiaravalloti ( Body Code System – Firenze) i quali congratulandosi per la qualità del lavoro esaminato e della metodologia di studio che contraddistingue la scuola, hanno consegnato diverse borse di studio al 100% presso la Tanzakademie Zurich, la Royal ballet School di Londra, il Body Code System a Firenze. Nello stesso mese, al concorso Lecce in danza, tanti i premi vinti e due borse di studio assegnate: una per l’Opéra di Parigi e l’altra per l’Ibstage di Barcellona. 
    Quattro danzatrici hanno superato brillantemente le selezioni per il Victor Ullate Ballet di Madrid,  arricchendo ulteriormente il proprio bagaglio artistico già ampiamente ingente e consentendo loro l’ingresso nel mondo del professionismo mentre un’altra allieva è stata selezionata allo stage/audizione di Zurigo.

    A giugno l’Accademia Artedanza è stata sede italiana per l’aggiornamento Body Code di oltre 30 insegnanti Giapponesi che dall’Oriente hanno frequentato le aule della scuola. Il Maestro Pino Carbone, ideatore di questo metodo, coadiuvato dai Master Teacher Ivana Chiaravalloti e Giuseppe Torchia, ha fornito la giusta formazione da esportare in terra d’Oriente. Un metodo di studio rivolto alla cura del corpo di cui i ballerini di ArteDanza si nutrono da oltre un decennio.

    L’anno accademico si è concluso con la grande festa del saggio-spettacolo di fine anno come sempre  un must da tutto esaurito al teatro Politeama dove, dietro le quinte, in attesa che il sipario si alzasse, si è respirata pura emozione e si è assistito alla consueta miscellanea di concentrazione, trepidazione e fermento condiviso da mamme papà e figli visto che da un bel po’ di anni il Maestro Calabro’ coinvolge i genitori dando loro la gioia di condividere con i propri ragazzi tutta l’emozione che un prestigioso palco può infondere..

    Alla fine soddisfazione e commozione per tutti, in particolare per i componenti dello staff di ArteDanza, da Giuseppe a Tiziana, da Serena ad Ylenia, protagonisti di un lungo, intenso, faticoso ma gratificante percorso

    Più informazioni su