Tiro con l’arco: Elena Branca una catanzarese sul tetto d’Italia

La gara si è svolta in tre diversi percorsi boschivi allestiti nella stupenda cornice del Parco Nazionale d’Aspromonte


Si sono svolti da pochissimi giorni i campionati italiani di tiro con l’arco. Campionati italiani tiro di campagna 2019 H+F (hunter e field – H: 12 bersagli a distanze sconosciute dai 5 ai 50 metri – F: 12 bersagli a distanze conosciute dai 5 ai 60 metri). La manifestazione si è disputata a Santo Stefano in Aspromonte – Parco Nazionale – Gambarie  

Il Comitato organizzatore formato da 3 club calabresi di tiro con l’arco: L’Antica Lauro, Fata Morgana ed Eragon. I Partecipanti 284 arcieri qualificati provenienti da tutti i club arcieristici italiani appartenenti alle diverse divisioni: arco olimpico; arco compound; arco nudo; long bow.

La gara si è svolta in tre diversi percorsi boschivi allestiti nella stupenda cornice del Parco Nazionale d’Aspromonte in Calabria ed ha impegnato duramente gli atleti dalle ore 9 alle 16 per coprire i 24 bersagli dislocati nei boschi.

Elena Branca, classe ragazze, divisione arco olimpico, degli Arcieri del Feudo di Maida, ha conquistato il gradino più alto del podio vincendo la medaglia d’oro ed il titolo di campionessa d’Italia di classe, confermando le aspettative che la vedevano già al primo posto nella ranking nazionale di qualificazione. L’ennesimo trofeo , forse il più ambito , da parte della giovane atleta catanzarese. 

Hanno presenziato, tra gli altri, allo svolgimento delle gare ed alla cerimonia di premiazione: Mario Scarzella Presidente Nazionale FITARCO, Giovanni Giarmoleo Presidente del Comitato Regionale FITARCO, Maurizio Condipodero Presidente CONI regione Calabria.