Catanzaro Calcio mercato: per la difesa si cerca anche all’estero

Ma c'è anche una pista Quaranta dall'Ascoli.In avanti Montalto e Gondo i nomi più gettonati.

Più informazioni su


    «Sappiamo cosa c’è da fare: il mercato chiude giorno 2 e prima ci alleniamo tutti insieme, meglio è». Una battuta, tre messaggi da Gaetano Auteri dopo il vittorioso esordio di ieri contro il Teramo. La consapevolezza totale di ciò che manca per completare il puzzle, innanzitutto: già alla vigilia si era parlato di un difensore mancino e di un attaccante centrale e queste, anche dopo l’esame dei primi novanta minuti, sono rimaste le priorità del Catanzaro. La contezza che si è entrati ormai nell’ultima fase della finestra degli scambi, gli ultimi sette giorni in cui sarà possibile correggere e ritoccare la rosa: nessuna richiesta di correre in maniera avventata contro il tempo, certo, semmai il desiderio, una volta individuati gli obiettivi, di quagliare presto, di non tergiversare troppo. E poi la voglia mai nascosta di chiudere alla svelta il cerchio, poter disporre di un arsenale finalmente finito per lavorare a lungo termine. Una battuta, tre messaggi, come detto. E le risposte del club dovrebbero arrivare ormai a stretto giro.

    Per la difesa il monitoraggio si sarebbe allargato anche ai mercati esteri con sempre però un occhio alla cadetteria nostrana e alle sue possibili uscite. Un’idea, in questo senso, sarebbe il ventiduenne Danilo Quaranta dell’Ascoli, giovane di prospettiva con sette presenze lo scorso anno in B, sondato di recente. In attacco, invece, è Montalto il nome più gettonato con Gondo – apprezzato anche lui – subito dietro. Dalla chiusura dell’operazione in attacco dipenderà poi il futuro di Giannone, ieri entrato bene nel secondo tempo contro il Teramo ma non primissima scelta per il progetto di quest’anno.

    Sempre sul versante uscite, sembra destinato all’insuccesso il forte pressing del Cesena per Nicoletti: le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso nel pregara di sabato – «il ragazzo deve imparare a mangiare pane duro per farsi i denti» – molto dicono sulla volontà di trattenerlo in rosa per farlo crescere nonostante la concorrenza e la sua richiesta di maggiore continuità. L’ultimaltum dei bianconeri, in scadenza ad ore, insomma, dovrebbe cadere nel vuoto. Incognita a contorno: il tesseramento ancora bloccato di Tascone.

    Gianfranco Giovene

    Più informazioni su