Accusato di maltrattamenti: scarcerato dopo un anno a Catanzaro

A deciderlo la Corte d'Appello. L'imputato attenderà la sentenza di secondo grado a piede libero


Francesco Amelio, 40 anni, dopo un anno di carcere torna libero. Era stato arrestato lo scorso settembre dopo una lite con la convivente con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate.

L’uomo conviveva da circa 5 anni con una donna dalla quale aveva avuto un figlio, senza mai comportarsi in maniera violenta, ma mostrandosi, invece, un padre e un compagno premuroso.

Nel mese di agosto 2018, però, qualcosa in lui cambia. “Probabilmente – scrive il suo difensore Enzo De Caro – a causa di un temporaneo uso di marijuana, la personalità dell’Amelio è improvvisamente cambiata tanto che una delle ultime liti verbali era sfociata in percosse ai danni della compagna nei confronti della quale l’uomo aveva pure scagliato un giocattolo rischiando di colpire il figlio minore”.

Da qui l’intervento dei carabinieri e l’arresto, il processo e la condanna ad un anno e quattro mesi di reclusione senza la sospensione della pena.

Una parte della sentenza che lo stesso avvocato De Caro ha ritenuto “particolarmente ingiusto” lamentandosene nell’atto di appello.

Oggi la Corte, a distanza di poco più di un mese dalla presentazione dell’appello ha disposto l’immediata scarcerazione di Amelio. Il processo di Appello sarà tenuto con l’appellante a piede libero.