‘No a centrale Sorbo’, Comitato soddisfatto esito conferenza servizi

Il presidente Gioconda Chiarella: continueremo con le nostre azioni di dissenso a questo ampliamento

Più informazioni su


    Il Comitato “No centrale a Biomassa di Sorbo San Basile – scrive il suo presidente Gioconda Chiarella-“,si ritiene soddisfatto dell’esito della IV  conferenza dei servizi riguardo il progetto di ampliamento della capacità di valorizzazione energetica del CSS nell’impianto di produzione Clinker  della calme (coinceneritore). Si presentava come conferenza conclusiva, invece, grazie al consulente del comune di Marcellinara  Professore Umberto Arena ,  che ringrazio anticipatamente per la sua essenziale presenza,con la sua puntualizzazione sulle contro deduzioni della Calme, alle osservazione presentate dal sindaco Vittorio  Scerbo alla terza conferenza di giorno 4 settembre si è ottenuto un rinvio di conferenza al 16 ottobre alle ore 10.

    I punti chiariti dal professore erano mirati a diminuire le emissioni inquinanti che potrebbe sprigionare l impianto suddetto ,si e  chiesto di procedere con un inquadramento dell’impianto, portando delle modifiche che al momento della combustione non sprigiona sostanze nocive all’ ambiente e alla salute pubblica. È  stato messo a verbale la necessita di un monitoraggio  h24 e avere i risultati ogni mese da esibire alla popolazione che dovrà essere  dopo 24h /48h dalla misurazione. Si è  verbalizzato di esibire la provenienza del CSS nell’impianto con certificazione EMAS,inoltre il CSS deve essere classificato C1 C2. IL comitato NO  biomassa di Sorbo San Basile,  condivide tali richieste per una maggiore tutela dell’ ambiente e salute. Noi sosteniamo il sindaco Scerbo e siamo più  che convinti che la VIS sia eseguita con la sospensione del procedimento per un anno , se i risultati dovessero essere ok allora  in quel caso si proceda al provvedimento autorizzativo .

    Come comitato non ci arrendiamo continueremo con le nostre azioni di dissenso a questo ampliamento, e continuando a sensibilizzare i cittadini non solo di Marcellinara  ma anche dei pesi limitrofi come Amato e Miglierina  dove in seno della conferenza  dei servizi i due primi cittadini di tali comuni hanno espresso parere favorevole  all’ampliamento, ma questo non ci impedirà di portare informazioni senza fare “terrorismo psicologico”. Il nostro obbiettivo è quello di invitare la Calme a produrre clinker senza recare danno all’ambiente ma soprattutto alla salute pubblica.” Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare”.

    Più informazioni su