Botricello, scuole superiori in festa per l’accoglienza

Durante la manifestazione sono stati anche proiettati dei video realizzati dagli studenti sui vari indirizzi

Più informazioni su


    Se la qualità pedagogica di una scuola si misura dal modo in cui si accoglie gli alunni delle prime classi, le scuole superiori di Botricello hanno tante storie da raccontare. Oggi, mercoledì 2 ottobre 2019, ha avuto luogo, presso sede delle scuole superiori di Botricello una partecipata festa dell’accoglienza. Non è stato uno stanco rituale per contenuti proposti, non sono state spese solo parole, ma anche fatti per protagonismo degli allievi.

    Durante la manifestazione sono stati proiettati dei video realizzati dagli studenti sui vari indirizzi: cucina con i prof. Luigi Quintieri, Giuseppe Seminaroti, Francesco Marinaro e Griffo Rosario; sala – bar con i prof. Aretino Antonio, Bruno Rocca, Fabio Pitari; accoglienza turistica a cura dei docenti Caterina Piserà e Fabio Guarna. All’iniziativa, insieme al secondo collaboratore prof. Salvatore Staino, ha preso parte il dirigente scolastico dell’Istituto superiore di Sersale Cristina Lupia che ha speso edificanti parole per gli indirizzi commerciali e alberghieri, invitando gli studenti a “considerare lo studio come uno strumento formidabile per orientare il futuro.”

    Ancora la professore Lupia: “L’accoglienza non sopporta l’improvvisazione e non si più prescindere dalle regole”. Clima di festa tra i ragazzi e le ragazze, alcuni di loro hanno curato l’accoglienza dalla reception alla sala bar, al ristorante e in cucina, altri hanno proposto il buffet a base di dolci, cocktail, animazione. Non oggetti sottoposti ai poteri, ma soggetti protagonisti: lo sono gli alunni di Botricello.

    Enzo Bubbo

    Più informazioni su