Occhiuto: Andiamo avanti ma la mia candidatura non è un’imposizione

'Ho capito che qui la politica si fa contro la persona' 

Più informazioni su


    di Alessia Burdino

    Lo sfogo di Occhiuto arriva poco fa. Appare sui social. Lo status scelto dal sindaco di Cosenza, dopo il pronunciamento di ieri della Corte dei Conti, è “così così”. Perché è comprensibile che le ultime ore siano state per l’aspirante presidente della Regione, particolarmente dure. Lo scrive. Lo dice. Senza troppi giri di parole. “In questi anni – si legge sui profili social di Mario Occhiuto – ho subito ripetutamente violente aggressioni dirette alla mia persona sia sotto il lato mediatico che su quello politico, con tentativi di condizionamento gravi su organi dello Stato mirati a farmi fuori dalla scena politica amministrativa. Purtroppo ho capito a mie spese che qui la politica si fa contro la persona.

    Direttamente, senza nessuno spirito di fraternità cristiana; quando invece la politica dovrebbe essere rivolta proprio a favore della persona”. Poi parla della sua città. Del suo lavoro da sindaco: “Il cambiamento realizzato a Cosenza dava e dà fastidio a molti perché è una dimostrazione palese e concreta di come sia possibile migliorare il territorio anche in una regione come la Calabria. Svincolare le persone dai bisogni e dalle richieste. Abbiamo legalizzato le Coop, smantellato campi rom e box abusivi, realizzato tante “buone pratiche” e nuove opere pubbliche per centinaia e centinaia di milioni di euro.

    Resa viva la città e ottenuto decine di premi nazionali. Non mi sono fermato davanti a minacce e ricatti; mi hanno assegnato la scorta per quattro anni. E non ho avuto remore neanche per licenziare e denunciare un componente della mia segreteria scoperto a rubare. Ho tenuto sempre la barra dritta. Se avessi avuto paura, o se fossi stato compromesso, non avrei potuto far nulla”. E sul dissesto dice: “è un altro tentativo di delegittimarmi e farmi fuori. Soprattutto in vista della candidatura a presidente della Regione Calabria.

    Dovrebbero darci un premio per come abbiamo ridotto il deficit e per quello che siamo riusciti a realizzare nonostante la grave situazione di bilancio che ci avevano lasciato in eredità. Abbiamo utilizzato tutte le risorse europee a disposizione, come mai era successo negli ultimi cento anni. Com’è noto infatti la mia Giunta che si è insediata per la prima volta nel 2011 ha trovato nelle casse municipali il debito e il deficit, provando a ripianarli. Il Comune di Cosenza nel 2011 infatti era già in uno stato di dissesto conclamato con delibera della Corte dei Conti regionale sulla base del grave squilibrio finanziario e dei debiti accumulati dalle precedenti amministrazioni. Noi all’epoca, anziché dichiarare il dissesto, aderimmo nel 2012 alla nuova procedura di riequilibrio finanziario pluriennale (cosiddetto pre-dissesto) prevista dal Testo unico sugli Enti locali e introdotta in quell’anno dal Governo Monti.

    Nel corso dei primi sei anni il Comune di Cosenza ha ridotto la spesa per 44 milioni di euro mentre non ha raggiunto gli obiettivi di riscossione previsti (imposte comunali). Il mancato raggiungimento delle percentuali di riscossione previste, ha determinato la dichiarazione di dissesto per la violazione degli obiettivi intermedi del piano di riequilibrio. Un elemento da sottolineare è che per i primi 6 anni di vigenza del piano di riequilibrio la corte calabrese non ha inteso fare alcun controllo (sebbene la norma preveda controlli semestrali) che ha invece avviato nel maggio 2019 e rapidamente concluso nel luglio dello stesso anno dichiarando il dissesto. Tale attività di verifica ha avuto avvio in coincidenza con la mia candidatura a Presidente della regione Calabria. È importante precisare che quasi tutte procedure di pre-dissesto sono state trasformate in dissesto dalle delibere delle sezioni regionali della corte dei conti.

    Il dato calabrese e in generale del sud Italia evidenzia come circa il 30% dei comuni si trovi in una situazione di dissesto o pre-dissesto. In particolare, in Calabria, l’80% degli Enti locali con popolazione superiore ai 15 mila abitanti è soggetta a tali procedure. Il problema relativo alla riscossione dei tributi locali, in assenza di misure normative idonee per favorire il recupero dell’evasione, risulta la causa principale in tutte le procedure di dissesto”. Il futuro? Mario Occhiuto non ha dubbi ma precisa che la sua candidatura non è un’imposizione personale, è una disponibilità: “Adesso noi andremo avanti lo stesso, anche in Calabria. Io non ho paura ma non voglio che si intenda la mia candidatura a presidente come una imposizione personale: ho solo messo a disposizione la mia persona non per velleità del singolo ma per una giusta causa che è quella di cambiare la Calabria. Se c’è chi vuole convergere e darci una mano si faccia avanti perché ora abbiamo veramente bisogno di tutti”.

     

    Più informazioni su