Uil Rua: verificare agibilità sede Accademia Belle Arti

Il sindacato in una nota stampa ipotizza mancanza delle certificazioni di prevenzione incendi

Più informazioni su


    La UIL chiede la verifica delle sedi dell’ex Educandato e di via Carboni dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, non è garantita la sicurezza dei Lavoratori e degli Studenti.

    Interpellati gli organi di controllo, – si legge in una nota a firma di Attilio Bombadieri- che sono Ufficio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di lavoro – SPISAL dell’ASP, Direzione Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Sindaco/Presidente della Provincia, il comando della Polizia locale e la Corte dei Conti.

    La UIL evidenzia in una nota, che nella riunione tra Sindacati e Amministrazione del 10 ottobre scorso, presso la sede dell’Accademia di Belle Arti sita nell’ex Educandato di via Tripodi al n. 44/46, ha ricevuto conferma dagli organi accademici della mancanza delle certificazioni di agibilità e di prevenzione incendi della sede ospitante la riunione stessa.

    Da quanto risulta, l’immobile dell’ex Educandato è stato consegnato all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro al solo fine di poter effettuare sopralluoghi finalizzati alla ricognizione e misurazione degli ambienti per predisporre i futuri arredi e le eventuali richieste di finanziamento utili allo scopo ed alla futura programmazione di tutte le attività che successivamente saranno espletate, obbligandone l’uso per i soli scopi descritti e vietandone qualunque altra attività fino al rilascio del certificato di agibilità.

    Inoltre, per quanto riguarda la sede di via Carboni, risulterebbe anch’essa sprovvista delle certificazioni di agibilità e prevenzione incendi, con l’aggravante di avere sanitari fatiscenti, tapparelle vetuste e guaste, infiltrazioni di acqua piovana e nel complesso una situazione strutturale non conforme a poter ospitare studenti e Personale docente e T/A.

    La UIL ha chiesto a tutti gli organi di controllo, ognuno per le proprie competenze di verificare lo stato di agibilità e prevenzione incendi al fine di garantire la sicurezza degli ambienti di lavoro al personale e agli studenti dell’Accademia, verificando eventuali danni erariali intervenuti a causa di un utilizzo improprio delle strutture.

    In attesa delle necessarie verifiche, è necessaria l’immediata cessazione di tutte le attività in essere presso tali strutture (sono state svolte perfino le sedute di laurea), al fine di garantire la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro.

    Più informazioni su